<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

No Coca Cola

mercoledì 29 novembre 2006

La multinazionale americana è accusata di violazioni dei diritti umani per essere la mandante di politiche repressive nei confronti del sindacato colombiano.
Questa strategia antisindacale, portata avanti con mezzi al limite della legalità oppure attraverso l’uso dei gruppi paramilitari AUC, ha prodotto fino a oggi 9 sindacalisti uccisi, licenziamenti illegali, montature giudiziarie, attentati, esilio forzato, minacce di morte a lavoratori e dirigenti sindacali e ai loro familiari.
Boicottiamo quindi COCA-COLA, FANTA, SPRITE, NESTEA, BONAQUA, KINLEY, BEVERLY, MINUTE MAID, POWERADE, ICE LEMON.
Per maggiori informazioni sul boicottaggio:
www.nococacola.info

Etichette:

Tutti pazzi per Gene

martedì 28 novembre 2006

Chi più grande tra Pelè e Maradona ?
Una domanda a cui nessuno riesce a dare risposta. Primo fra tanti motivi quello che è impossibile mettere a confronto due giocatori di epoche diverse ( il Coach e Paciugo ne sono l’esempio lampante ). Ma negli anni è cresciuta l’idea che tra i due sia leggermente in vantaggio il "Pibe de Oro" per il fatto di essersi misurato con il calcio europeo ( Pelè giocò solo nel Santos, per poi chiudere la carriera negli Stati Uniti ).
Poi ci sono campioni dalla classe innata che, pur non arrivando ai livelli di Pelè e Maradona, meritano di stare a pieno titolo nell’Olimpo del Calcio: Best, Platini, Valentino Mazzola, Puskas, Zico, Baggio e Gene Gnocchi...
Sulla prima pagina di ieri de "La Gazzetta dello Sport", Gene rilancia l’accorato appello già espresso durante la trasmissione domenicale "Quelli che il calcio...": "Io, Gene Gnocchi, 51 anni, nel pieno possesso o quasi delle mie facoltà mentali, chiedo che una squadra di A mi tesseri e mi faccia giocare anche solo cinque minuti prima della fine del campionato”.
I motivi che hanno spinto Gene Gnocchi a proporsi ai presidenti di serie A sono cinque:
1- questo calcio si prende troppo sul serio, chi decidesse di farlo giocare dimostrerebbe un senso dell’ironia pari alle Bombe di Maurizio Mosca;
2- il calcio ha bisogno di un volto nuovo, per far dire alla gente "di sicuro non è della Gea";
3- è l’uomo giusto per far ritornare spettacolare il calcio italiano;
4- si realizzerebbe il sogno della sua vita: a cena con una velina dopo una partita, sentendo lei che dice: "Ti trovo molto attraente, anche se non sapevo che mestiere facessi";
5- se Bettarini alla domenica pomeriggio ha un programma televisivo, perché lui non può scendere in campo nello stesso orario ?

Noi ci facciamo portavoce dell’appello di Gene Gnocchi, a cui hanno già aderito Marcello Lippi, Cristiano Lucarelli e Attilio Tesser. Per dimostrare il vostro sostegno, potete scrivergli a
quellichegnocchi@rai.it e postagazzetta@rcs.it.

Dopo aver giocato almeno 5 minuti in serie A, sarebbe l’uomo adatto per guidare la Lega di serie A. L’unico problema è che farebbe meno ridere di Matarrese.

Etichette: ,

Amarcord: estate 2003

lunedì 27 novembre 2006

Di quella estate gli annali riportano la prima uscita "non ufficiale" del Caña Team. Ma è lungo il cammino di Santiago che tutto è partito: non si spiegherebbe altrimenti questa foto scattata a Burgos. Solo l'effetto della birra mattutina offerta da Muni avrebbe fatto scattare nella mente ( sempre ammesso che ne abbiano una ) di Pablo e Rezzo l’idea di questa foto.
Anche se la foto che avremmo avuto con più piacere pubblicare sarebbe stata quella con protagonista il buon Ciancio, in un angolo ad imprecare sul fatto che la stessa idea ( da sobrio ) non fosse venuta a lui. Purtroppo, quella foto non l’ha scattata nessuno.

Etichette:

Caña in vasca

sabato 25 novembre 2006

Come vi avevamo anticipato, alle 3 di questa mattina il Caña Team è entrato in vasca: Ciccio, Rezzo e Pablo assieme ad alcuni amici hanno partecipato alla maratona benefica organizzata dalla associazione "Silvana Baj".
Confortati dalla rassicurante presenza di Paciugo sugli spalti, assieme alle giovani donzelle Gea e Silviona ( che ringraziamo per aver partecipato con noi alla manifestazione ), il nostro team ha potuto schierare tre punte di diamante del mondo sportivo casalese: il primo, proveniente dalla giovanili dell’Oltreponte, è Lollo ( fratello di "rabbit" Paciugo ). Poi, proveniente dalla giovanili della Polizia di Stato, il grande talento inespresso di tutti gli sport che ha provato: l’agente Bonimba. Infine, proveniente dalle giovanili del San Germano, e sfidando l’orario proibitivo, il nostro "fantasista" Monte.
Il primi a scendere in vasca, poco dopo le 19, sono stati Carmen Acunto e il presidente del "Silvana Baj" Franco Osenga ( una solo commento: un grande ! ), assieme agli amministratori locali. Poi alle 20.30 la sfida organizzata dal Trio Medusa tra l’olimpionico Domenico Fioravanti e tre atleti paralimpici Mahila Di Battista, Paolo Amodeo ( entrambi amputati ) e Bernd Smits ( paraplegico ).
Vivendo a bordo vasca, durante la giornata di ieri, si notava l’organizzazione perfetta di tutta la manifestazione: il primo plauso va a tutti i volontari che non hanno lasciato nulla al caso, dimostrandoci passione per quello che facevano. Il secondo plauso va a tutti quelli che sono scesi in acqua, anche solo per fare una vasca, dimostrando interesse per l’iniziativa.
Questa mattina la piscina era "invasa" dalle scuole, per le 19 di oggi la chiusura di "Una vasca lunga un giorno". Chissà se tra i 700 ( ma potrebbero diventare molti di più ) vorrà tuffarsi anche il Tombolotto ?

Etichette: ,

Egizi e Sumeri "nonni" del Caña Team

venerdì 24 novembre 2006

Che fosse la bevanda alcolica più bevuta nelle "bettole" di tutto il mondo, lo sapevamo... Ma che sia quella più consigliata a chi pratica sport, proprio non ce l’aspettavamo. Anche se ora si spiegano i famosi "scattini" di Viancio quando gioca a calcio. Parliamo, come avrete sicuramente intuito, della nostra tanto cara birra. Già conosciuta da egizi e sumeri, ha i suoi pregi ( contenuti calorici dimezzati rispetto al vino ) e i suoi difetti ( se si fa sport in un luogo caldo, è meglio evitare di berla fin dalla sera precedente ).
Contiene una discreta quantità di vitamine, favorisce l’aumento dell’HDL ( il colesterolo "buono" ), ma se consumata in abbondanza, favorisce l’accumulo del grasso più pericoloso, quello addominale.
Il colore è dato dalla tostatura del malto, ma talvolta le birre vengono scurite con l’aggiunta di caramello. Il gusto è dato dal luppolo: nell’antichità egizi e romani bevevano una birra acidula, da circa un millennio viene aggiunto il luppolo, per dare l’aroma amaro. La schiuma della birra è costituita da minuscole bolle gonfiate dall’anidride carbonica.
In Cina ci sono birre prodotte con il riso, mentre in alcuni Paesi africani vengono utilizzati il miglio oppure il sorgo.
Per saperne di più, visitate i portali della birra
www.birra.it, www.mondobirra.org, www.birraonline.it

Etichette:

Comunicato Stampa

mercoledì 22 novembre 2006

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato da parte di uno dei nostri inviati in seminario, il Ricciolo:

Come da tradizione, anche quest'anno si è svolta l'abituale raccolta kiwi nel giardino del nostro carissimo Vescovo. Si tratta di un'antica tradizione che da anni vede impegnati i seminaristi nel DURO lavoro manuale ( come insegna la regola benedettina dell'ora et labora ).
L'ufficio marketing del seminario è già al lavoro per definire le migliori strategie di valorizzazzione e commercializzazione del prodotto. Possiamo affermare senz'ombra di dubbio che si tratta di un'annata particolarmente prolifica.
I seminaristi hanno sottratto a MALINCUORE un pomeriggio agli studi.
Al termine del raccolto il padrone di casa ha offerto agli operai della messe un momento di convivialità con prodotti tipici novaresi. In applicazione alla legge levitica è stata trattenuta la decima del raccolto, che servirà al sostentamento della comunità del seminario.

Etichette:

Una vasca lunga un giorno

Cari piccoli amici, è giunta l'ora di iscriversi a questa grandiosa manifestazione.
È semplicissimo, basta scaricare il modulo, compilarlo e: spedirlo via e-mail a silvanabaj@libero.it, consegnarlo direttamente presso la sede in Via Solferino 29 a Casale Monferrato, oppure inviarlo via Fax al numero 014276497.
Il Caña Team parteciperà nelle ore notturne tra il 24 ed il 25 Novembre, siete comunque liberi di partecipare quando siete più comodi. Sarebbe bello fare afterhour tutti assieme !

L'ultima messa di Crozza XVI

lunedì 20 novembre 2006

In Italia ci sono molti ( bravi ) comici. Ci sono anche molte trasmissioni comiche ( anche se sarebbe più opportuno chiamarle "grottesche", e in tutti i modi i bravi comici italiani non vi partecipano ). Abbiamo dei comici "monologhisti" ( Grillo, Luttazzi, Bisio, per fare qualche nome ) e comici "imitatori" ( Crozza, Teocoli, Guzzanti... ).
Una delle poche trasmissioni comiche condotta da un comico è "Crozza Italia". Dire che Maurizio Crozza sia, in questo momento il migliore di questa categoria ( sappiamo bene che le "etichette" non devono essere appiccicate a nessuno, ma vogliamo farci capire ), non è affatto un'eresia: Teocoli preferisce fare "se stesso" alla Domenica Sportiva e Corrado Guzzanti si è preso due anni di "pausa" per lavorare al suo primo film "Fascisti su Marte".
Il suo programma vive di alti e bassi: relegato nel "limbo" de La7, con la presenza di grandi ospiti e grandi opinionisti, troppo lungo, imitazioni sempre riuscite, ma monologhi quasi sempre deludenti...
Non smetteremo mai di dire che Elio è un’artista a 360° e che anche con Crozza mostra tutta la sua genialità e che i TG di Rocco Tanica sono formidabili. Le parti musicali sono di ottimo livello.

Una delle novità dello scorso anno ( quella che va in onda è la seconda edizione di "Crozza Italia" ) era l’imitazione del Papa Benedetto XVI: molto ben riuscita. Quest'anno l'ha voluta riproporre, ma ci sembra meno bella rispetto a quella dell'anno scorso.
Poi, dopo aver detto che la chiesa cattolica lasciava più liberta dell'Islam alla satira e dopo aver fatto passare tutta la scorsa stagione senza la più minima critica, ecco che l'imitazione che Maurizio Crozza fa di Benedetto XVI non va più bene. Nelle parole prima del quotidiano Avvenire e poi del segretario del Papa, padre Georg, la stampa italiana ha ricavato un attacco alla satira che parte da Fiorello e finisce con la Litizzetto.

Ora ci sorgono alcune domande: siamo sicuri che chi ha criticato abbia visto la trasmissione ? A chi fa male Crozza-Benedetto XVI ? Siamo sicuri che la "censura" non possa diventare un’arma a doppio taglio ? Non sarebbe meglio che, nel caso si voglia “chiudere” qualche trasmissione, si parta da altro ?
Abbiamo sentito molte parole fuori luogo che difendono la "censura" fatta a Crozza. Tutte parole fuori luogo. Fatto sta che l’imitazione del Papa sarà proposta ( per ora ) per l'ultima volta questa sera: noi non ne capiamo il motivo e ne "siamo rammaricati". Ma aspettiamo fin d’ora il momento in cui sarà riproposta.

Etichette:

A lezione di elezioni

Non è un gioco di parole e neppure un nuovo scioglilingua. È quello che sta accadendo in Bhutan, minuscolo e immobile regno nel cuore dell'Himalaya, schiacciato dalla Cina a nord e dall'India a sud.
Qui da cent'anni governa un re e dunque nemmeno i cittadini più vecchi hanno mai visto una scheda elettorale o un’urna. Ma è alle porte una grossa "rivoluzione". Jigma Singye Wangchuck, l'attuale re, ha deciso che nel 2008 si voterà per eleggere un Parlamento e ha stabilito che saranno elezioni in due puntate: al primo turno si potranno presentare tutti i partiti e i candidati che ne sentissero il desiderio. Per il secondo, resteranno in gara solo i due partiti con più voti.
Vuole però che si arrivi preparati all’appuntamento con schede e candidati: così migliaia di funzionari statali sono tornati a scuola per imparare come si dividono le città in Collegi elettorali, dove si mettono le «X» per le preferenze, come funzionano gli scrutini... E non basta. Malati di perfezionismo, i bhutanesi vogliono anche fare una prova generale. Tra circa un anno ci saranno elezioni simulate ( e se i cittadini si dimostreranno preparati, poi si farà sul serio nel 2008 ) e tutti, finti scrutatori e finti votanti, finti candidati e finti partiti, dovranno partecipare.
Chissà se i bhutanesi ( ndr: dai non ridete... è il loro nome ) si inventeranno anche un finto Bruno Vespa per conoscere i finti exit-poll ?

Etichette:

L'America delle donne... e quindi di Ciuchino !

venerdì 10 novembre 2006

Gli analisti politici hanno commentato le elezioni di mid term negli Stati Uniti come la fine della politica "neocon" di George Bush. Donald Rumsfeld si è dimesso e si aspetta un cambio di rotta soprattutto per la "questione irachena".
L'America adesso ha il volto di Nancy Pelosi e di Hillary Clinton, esponenti del Partito dell'Asinello e vicine politicamente alle idee dell'italico "Partito del Ciuchino".
Noi lo avevamo sostenuto per tutta la campagna elettorale per le elezioni Politiche italiane della scorsa primavera... il suo messaggio politico finalmente è stato capito e premiato.
Con un messaggio inviato agli amici, ha voluto sintetizzare la sua felicità:
"Scusate ma non so se avete notato che la mia influenza politica è giunta fino in USA. Alla camera ed al senato ha vinto il partito dell'ASINELLO !".

Un Ciuchino politicamente così forte può sconfitto solo dai Cavalieri dello Zodiaco !

Etichette: ,

Bene vs Male: Convegno di Verona

giovedì 9 novembre 2006

Eccovi ora la risposta del nostro opinionista di spicco, il bizzoso Viancio:

Una piccola premessa per Andrea e per voi: io faccio il bene, il Ricciolo fa il male...

Sul Convegno di Verona mi trovate un pò in contropiede, sinceramente non me ne sono preoccupato molto, all'inizio pensavo che sarei stato davanti a Sat2000 per seguirlo per intero, invece...

Premesso questo la mia riflessione è piuttosto incentrata su un altro aspetto sollevato da Andrea: bisogna dar voce sempre e a tutti ?
Chiunque controlli o scriva su un giornale deve avere la possibilità di dire sempre quello che vuole, ma sopratutto deve essere preso tutto come oro colato ?

In Italia a livello di Chiesa non mi sembra esistano censure: ognuno anzi dice sempre quello che vuole, da un blog, un giornale, un sito.
Senz'altro, una volta questo capitava, ma nel 2006, in un epoca in cui ognuno dice quello che vuole e più provocatorio è più va in onda sui media, è il caso di dire che esiste una censura preventiva ?

Forse il Ricciolo e compagnia cantante avevano scambiato l'Arena di Verona con un'arena di boxe in cui ci fosse un confronto, anzi una resa dei conti a livello di Chiesa italiana con la quale, questo movimento, che trasversalmente attraversa tutti gli ambiti, dalla politica alla Chiesa passando per la carta stampata facesse non solo sentire la sua voce ma si imponesse alla ribalta italiana come la linea di pensiero di una Chiesa, anzi diventando addirittura fedele interprete del Vangelo ( ndr: non ho avuto il coraggio di aggiustare grammaticalmente questo passaggio, era troppo bello così )...

Sulle banche armate ho già dibattuto con Andrea e Gigi nel nostro forum politico sul pulmino al mattino alle otto, la mia idea è che d'accordo che alcune banche ( i più grossi gruppi italiani ) finanziano le fabbriche d'armi, ma allora perchè prendere questo aspetto e non considerare che finanziano anche le case farmaceutiche, che come numero di morti non scherzano, finanziano partiti politici che approvano aumenti delle spese militari per missioni di pace, finanziano la mafia( involontariamente ) avendo magari tra i loro clinti personaggi mafiosi e mille altri esempi
( ndr: non ho avuto il coraggio di aggiustare grammaticalmente questo passaggio, era troppo bello così ).

Non vorrei mai che questa guerra alle banche armate ( alcune ) fosse per "sensibilizzare" la gente a spostarsi su altre ( Unipol, Banca Etica ? ).

A me fan sempre un pò paura queste cose perchè, come dice una grande protagonista degli anni '70, "nessuno fà niente per niente" ( ndr: Annamaria R. ? ).

Comunque, per concludere, dò una piccola notizia anch'io, tanto per cercare di smentire un pochino Andrea sulla mancanza di collegialità: infatti dopo il Sinodo sull'Eucarestia, nel 2007 ci sarà un nuovo Sinodo sulla Sacra Scrittura.
Il Papa ha deciso che una volta all'anno, o ogni due anni al massimo, convocherà un Sinodo o un Concistoro con Vescovi e Cardinali per discutere in maniera collegiale di problemi inerenti la Chiesa. Da questi incontri e dai documenti scritti escono sempre molte indicazioni teologiche e pastorali che però molto spesso sfuggono ad alcuni ben pensanti perchè non riportate nè su Adista nè su Nigrizia nè su Unimondo nè su Korazim...

Etichette:

Speciale Vacanze: Budapest e Praga

martedì 7 novembre 2006



Così come gli esami, le vacanze non finiscono mai. Questa volta è il turno del dinamico trio Giacomo, Luca e Matteo che da domenica impazzano per la terra ungherese e da domani saranno a Praga. Ecco quanto ci scrive Giacomo:

"Ciao ! Come va ? Qui bene. Ieri super giro turistico, a piedi, della città. Oggi siamo diventati amici dei mezzi pubblici, Matteo ha fatto una corsa nel parco sull'isola mentre io e Luca ci perdevamo sbagliando pullman più volte. Bellissimo. In allegato alcune foto per il blog e per vostra cultura. La città è carina; ieri cena tipica con ottimo goulasch e piatti con ricette medievali ( il menu diceva così... io ci credo perchè mi piace).
Stasera usciremo un pochino nella città magiara che ha l'onore di ospitarci e domani di corsa ( con la Skoda rossa ) verso Praga !"

Etichette:

Bene vs Male: Convegno di Verona

lunedì 6 novembre 2006

Inauguriamo oggi una nuona rubrica di cultura a cura di due nostri illustri amici: Viançen ed Il Ricciolo. Quest'ultimo apre il dibattito, al quale risponderà il suo "collega di lavoro".

Carissime amiche vicine e lontane, con questo scritto inizia ufficialmente la mia collaborazione al Caña Team ( in nero e senza contributi: una specie di co.co.co. ).
Convegno di Verona, dicevo: chi è costui ? "È meglio essere cristiani senza dirlo, che dirlo senza esserlo" è la frase che mi è piaciuta di più, detta dal Cardinale di Milano, il mitico "tetta"... Dionigi Tettamanzi ( Genova 2001 docet, senz'altro offendo la vostra cultura generale e mi saprete dire cos'è, o meglio cosa è stato... ).
Casualmente mi è caduto l'occhio su alcune critiche, neanche troppo velate, da parte "dei pochi missionari" presenti ( 'sti comunisti... ). In soldoni si lamenta il fatto che, dea documenti presentati per la preparazione del Convegno, non si sono trovate vere tracce negli ambiti di discussione ( insomma sono stati cestinati). Non bisogna, poi dimenticare che, all'inizio del Convegno ecclesiale, due tra le principali testate del mondo missionario ( "Nigrizia" dei missionari Comboniani e "Missione oggi" dei missionari Saveriani ) insieme con la rivista di Pax Christi ( "Mosaico di pace" ) avevano chiesto alla Chiesa italiana un segno concreto di "richiamo alle coscienze": scegliere con maggior oculatezza e attenzione la banca presso cui depositare i risparmi o alla quale chiedere contributi per finanziare le diverse iniziative" ( vedi
campagna contro le banche armate ). "Sarebbe un gesto profetico per testimoniare che ci sta a cuore prima di tutto il Vangelo"; ha usato parole molto critiche anche un vescovo, sotto anonimato: "Qua in tanti si sono lamentati, sia pure riservatamente, del fatto che è mancata un’arena di confronto, qualcosa insomma in cui ognuno potesse dire la sua e far sapere alla CEI ( Conferenza Episcopale Italiana ) che cosa pensa. Invece, nei vari gruppi del convegno si è applicata una sorta di "censura preventiva".

E voi, cosa ne pensate ?
Il "bene" riccioluto del seminario vi saluta !

P.S.: Gli articoli completi si possono leggere su www.unimondo.org e www.korazym.org

Etichette:

Scriviamo all'ambasciata russa

Avevamo già parlato di Anna Politkovskaja, la giornalista russa barbaramente uccisa e famosa per le sue inchieste sulla guerra in Cecenia.
Vogliamo segnalarvi un'iniziativa del settimanale Internazionale, che con l'editore Adelphi, l'associazione Articolo 21 e il canale satellitare Nessuno TV promuovono un'iniziativa comune in memoria di Anna Politkovskaja: una cartolina indirizzata all'ambasciatore della Federazione russa in Italia, che sarà possibile trovare nei prossimi tre numeri di Internazionale e in tutte le principali librerie italiane.
Il Caña Team ha già spedito la cartolina, fatelo anche voi.

Etichette:

Il basket non è sport per signorine

venerdì 3 novembre 2006

Facendo ogni giorno la riunione di redazione, troviamo molte notizie interessanti, che però decidiamo di scartare. Ma a volte, come è successo per questa notizia, ci sono degli avvenimenti che fanno saltare tutti i piani da noi minuziosamente studiati.

Cosa centrano, secondo voi, Max Lo Savio e la nostra piccola amica Damiana ?

Se dite il basket, siete sulla strada sbagliata.
Per chi non lo sapesse, il primo era il centro 30enne dell'Acegas Trieste ( B1-A ), La seconda era la guardia 18enne della Pallacanestro Femminile Vercelli.
Già, "erano", tutti e due ! Perché il buon Lo Savio ( sicuramente più in forma nell'area pitturata vicino ai banconi dei bar piuttosto che nell'area pitturata vicino al canestro ) è stato operato dopo la rottura del tendine d'achille ad inizio stagione. La sua più bella prova in questa stagione è stata a bordo parquet durante Angelico Biella - Climamio Bologna, visto da alcuni di noi brillantemente in stampelle. Stagione finita per lui.
Se la stagione sarà finita anche per la "Minessi in gonnella" lo sapremo fra alcuni giorni. L'infortunio che ha riportato durante la partita di martedì scorso dovrebbe essere uno stiramento. Ma lo staff medico della squadra non ha voluto sbilanciarsi più di tanto. Per ora, assoluto riposo: dovrà saltare sicuramente buona parte del campionato e soprattutto, quello che più conta per noi, le partite del lunedì sera.
Nei giorni in cui comincia l'NBA, due tegole si abbattono sul mondo del basket: ma siamo poi così sicuri che i tifosi di Trieste e l'allenatore di Vercelli siano proprio delusi da queste perdite ?

Ai posteri ( e ai risultati delle due squadre ) l'ardua sentenza...

Etichette: ,