<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Speciale Vacanze: Edizione Straordinaria

lunedì 31 luglio 2006

Questa mattina all'alba è partito il viaggio diocesano per Assisi... e chi incontri appena sceso dal bus ?
Siccome avrete già sbirciato nella foto qui a fianco, vi confermo l'incontro con il prete più spugna del mondo, il grande Don Michael di Altenkessel !!
Chi non ricorda la sua bottiglia di birra ( 33 cl. ) bevuta in pochi secondi ? La sua sferzante simpatia, conseguenza di molte altre bottiglie da 33 cl. ?
Sicuramente anche ora la sua voglia di far festa non verrà a meno, tuttavia sarà il nostro amico Tombolotto a goderselo a pieno: Don Michael, infatti, è diretto al Convegno dei Ministranti a Roma.
A presto nuove news !

Etichette: ,

IO CHE SONO IMPARATO "perle del mondo"

sabato 29 luglio 2006

Torniamo in Italia, precisamente ad Arenzano, Liguria. Dopo averci narrato la loro settimana da fratelli-coltelli, i nostri eroi, il presente e il futuro della chiesa italiana, gli Stanlio e Olio del nuovo millennio ci regalano un libro scritto a quattro mani, ma senza neanche un cervello.

"Per chi vuole farsi figo parlando della Norvegia, per chi vuole stupire con vacanze studio in Inghilterra, per chi crede di fare del bene andando in missione in Argentina, ma non sa che Arenzano è il centro del mondo", così recita l'introduzione di questo libro ( anche se "capolavoro" è la parola più adatta ), che impreziosisce la nostra collana "perle dal mondo".

L'unico rammarico è che la collaborazione tra i due finisca qui: poteva continuare durante tutto il prossimo anno pastorale, ma Calciopoli, lo sciopero degli avvocati e dei farmacisti e le discussioni sull'indulto e l'amnistia hanno barrato la strada alla più straordinaria, e inaspettata, delle unioni artistiche. La nostra speranza è che questa occasione si possa ripresentare in futuro.

Etichette:

Un futuro alla Coop

martedì 25 luglio 2006

C'era una volta una bambina con un quadernone verde e dei fiori rossi finti di fianco... Così inizia una delle più belle favole che tutti i bambini si sentono raccontare dai propri genitori.

Ma chi l'avrebbe mai detto che quella bambina sarebbe diventata un giorno farmacista ? E che si sarebbe pure fidanzata con un giornalista ( Non c'entra niente... ma era bello scriverlo perchè faceva rima ) ?
E chi l'avrebbe mai detto che un giorno, il glorioso blog del Caña Team, le avrebbe dedicato un post tutto per lei ? Forse una risposta a quest'ultima domanda c'è: anche lei "reduce di Santiago", ha visto nascere il Caña Team nelle bettole di mezza Spagna nel 2003 e l'ha poi visto sulle "festanti" strade di Colonia nel 2005. E pensandoci bene, e davvero strano che frequentandoci sia comunque così brillante.

Naturalmente, dopo lo scandalo delle lauree facili ( nel quale è stato coinvolto anche il "nostro" Paciugo, altrimenti col cavolo che usciva da là dentro... ), l'università italiana doveva dare un segnale di discontinuità con il passato: per questo Elena è stata motivata per dare tutto il possibile per arrivare al massimo risultato. L'effetto inaspettato di tutto ciò e che è riuscita a fare addirittura meglio della somma dei voti del Tombolotto e del Ricciolo ( che sembrano due ingenui, ma durante le sessioni d'esame ci stupiscono sempre... ).
Adesso si spalancano le porte del magico mondo del lavoro e quando ci troveremo alla Coop per fare la consueta spesa prima del "pranzo sociale", la passeremo a trovare tra il "banco salumi" e la "pescheria" e a farci consigliare gli ultimi ritrovati in campo farmaceutico. D'altra parte, basta che sul camice bianco attacchi l'adesivo "Coop", ed il gioco è fatto.

Dal Caña Team le più grosse congratulazioni per il risultato raggiunto e un "in bocca al lupo" per tutto quello che succederà da oggi in avanti. Fino da adesso ci rendiamo disponibili per il consueto aperitivo post-laurea... quando vorrai, sai che noi ci siamo...

Ah, come ben sapete, tutte le più belle favole finiscono sempre bene e, per chi se lo fosse dimenticato, su quel quadernone verde che teneva in mano Elena ( di cui avevamo parlato all'inizio ) c'erano scritti tutti i segreti per prendere 110 e lode... Non è che si è trasformato in Shrek, come vedete nella foto qui a sinistra...

Etichette:

Speciale Vacanze: A Londra e Canterburry con Damiana

lunedì 24 luglio 2006

Secondo contributo della nostra Damiana:

"Continua l'avventura in terra inglese...
Week-end sotto la pioggia all'insegna della cultura: visita a Londra ed a Canterbury.
Arrivi a Londra e ti sembra di essere finito in un formicaio: per chi già considera affollata la Via Roma delle 18 al sabato sera, questo e davvero tutto un altro mondo !
Passeggiando per le vie del centro, ogni due passi ti ritrovi a svaligiare i negozi, comperando, ovviamente, le cose piu stupide ( vedi uno spettacolare cappello delle Guinness comprato da un mio amico )...
Londra non e solo shopping e foto, ma anche cultura e tradizione: Coven Garden, Piccadilli Circus, Trafalgar Square, Buckingham Palcae ( ndr, a voi lo posso dire... aveva scritto Buchingam ! ) meritan davvero di essere visti...
Però la tentazione piu grande e sicuramente quella di fregare il cappello tipico delle guardie e scappare via di corsa ( aggiungendoci magari un bel PRRRRR ! ) !

Domenica visita di Canterbury... Una cittadina che deve la sua fama ai racconti di Geoffrey Chaucer ( ndr, a voi lo posso dire... aveva scritto Charles Dickens ! ), nei quali si fa riferimento alla sua maestosa Cattedrale.
Osservando la piazzetta principale sotto una certa angolazione, sembra quasi di ritrovarsi a Treviri !
E dopo un week-end intenso ( un po' di cultura, forse, non fa poi cosi male ), lunedi si torna a scuola... Rivolgendo un pensiero speciale a quelli che in serata occuperanno l'Apollo !

A risentirci ( forse ) per un ultimo racconto di questa esperienza..."

Etichette: , ,

Speciale Vacanze: Ad Arenzano con Viançen - Giorno 6


Come potete ben notare il nostro amico non perde tempo, ed approfitta di ogni angolo caratteristico per deliziarci con una delle sue tipiche pose plastiche...

Etichette:

Speciale Vacanze: Ad Arenzano con Viançen - Giorno 5

domenica 23 luglio 2006


Riunione di lavoro...

Etichette:

Speciale Vacanze: Ad Arenzano con Viançen - Giorno 4

sabato 22 luglio 2006


Prime conquiste in quel di Arenzano...
Vogliamo tuttavia conservare la dignità della povera vittima... Vi ricordiamo che la ragazza distruggerà il costume ed ingrasserà 30 chili al fine di non farsi riconoscere...

Etichette:

IO CHE SONO IMPARATO: "Perle del mondo"

Si avvicinano le vacanze, ed è giusto dare la possibilità a voi, cari piccoli amici, di avere una carrellata generale sui luoghi che il Caña Team ha visitato e che vi consiglia.

Si parte dal fiore all'occhiello dell'amministrazione di Oslo: un parco interamente dedicato allo sport che in questo momento va per la maggiore... no, non è, come invece pensate voi, giocare a basket il lunedì sera senza Damiana...
Tra il verde, molte statue... che vi faranno rimanere a bocca aperta.

Un libro molto utile per chi non ha ancora scelto la meta delle proprie vacanze.

Etichette:

Speciale Estate: In missione con Andrea

venerdì 21 luglio 2006

Eccovi il secondo contributo di Andrea dall'Argentina:

"Dalle polverose strade del Neuquén... Hola a todos !
Anzitutto si vuole ricordare che l'Argentina è indietro ben 5 ore ( e non solo 3... ), ma per tutto il resto è avanti anni luce...
Il mate ( tipo the, bevuto ad ogni ora ) mi sta iniziando a dare assuefazione ( sempre meglio di quello che qui chiamano caffè... ).
Sono reduce da una cena con amici a base di pizza ( ??? ) fredda fatta in casa e caliente di pizzeria ( anche se bisognerebbe chiamare la polizia per come la fanno... ); c'era anche un fan scatenato di Medjugorie ( ma sono dappertutto ! ), il quale non ha apprezzato molto i miei dubbi sui veggenti & c.
Senz'altro meglio la cena di 2 giorni fa con l'asado ( Carne alla brace con la C maiuscola, non paragonabile alla nostra ).

Alzando gli occhi ai tetti mi sento subito a casa: contenitori per l'acqua...di Eternit ( se riesco vi mando le foto )...

La cosa che mi ha veramente impressionato ( questa volta seriamente ), è stato vedere gli immigrati clandestini boliviani cuocere i mattoni in enormi piramidi: sembrava di essere tornati alla schiavitù degli ebrei in Egitto...

Concludo con una note di colore: i muri sono invasi da scritte di propaganda elettorale ( e fin qui niente di strano ), peccato che le elezioni si svolgeranno tra un anno e mezzo...

Oggi è l'ultimo giorno a Neuquen: da domani inizio il mandato con Don Graziano ( o Padre come dicono aqui ) a Centenario.

Hasta Luego, Andrè !
( Andrea è femminile... )"

Etichette:

Speciale Vacanze: Ad Arenzano con Viançen - Giorno 3




Le prime due foto provano la realizzazione degli ancestrali sogni del nostro amico tondeggiante.

La terza riguarda invece il concorso "Riconosci il bambino", a voi la sentenza.

Etichette:

Speciale Vacanze: A Cambridge con Damiana

Visto il grande successo degli Speciali Estate, eccone subito un altro !
È ora la volta di del viaggio-studio di Damiana a Cambridge.
Leggiamo quanto ci scrive:
"C'è chi è appena tornato da un viaggio di nozze, chi ancora studia o lavora, chi deve condividere la tenda con personaggi poco raccomandabili ( Viancen, ndr )... e chi invece, da quasi una settimana, si ritrova ad occupare Cambridge ! Questo è davvero il periodo giusto per viaggiare: a due settimane dalla vittoria della coppa del mondo, per una volta, ci si puo sentire veramente fieri di essere italiani !
E così eccoci qui a raccontarvi di questi giorni trascorsi oltremanica.....
Appena arrivati si è certo spaesati e tra la lingua e la "mania" che hanno qui di guidare a sinistra, non stupitevi se il primo giorno ci siamo tutti persi.

Questa dovrebbe essere una vacanza studio, ma di vacanza ha ben poco: sveglia alle 6 e via verso la scuola... Qui si conoscono nuovi ragazzi e scopri quanto sia piccolo il mondo: una ragazza che è qui a Cambridge con noi, era tra le 45mila persone stimate a Marienfeld ( stimate da Muni, ndr ), anche lei conosce "Viva Colonia" !

L'Inghilterra è bella, ma stare qua è difficile... non poter giocare a basket ( soprattutto il lunedì ) è sicuramente la cosa piu dura !
Anche la mancanza di spaghetti e di un buon kebab casalese inizia a farsi sentire...

Molti minorenni stanno per degenerare causa mancanza di birra ( losers ! ): ci sente davvero grandi ad avere diciott'anni !
Siamo circondati da un gruppo di spagnoli... Rezzo si chiede se qui si cucca alla grande... al ritorno l'ardua sentenza !
Terminiamo qui il nostro racconto, sperando possa avere anche un seguito !

PS: Ormai siete diventati famosi: tutto il gruppo casalese si e sentito coinvolto nella stesura di questo articolo !"

Etichette: , ,

Speciale Estate: In missione con Andrea

giovedì 20 luglio 2006

Parte oggi il reportage sulla missione di Andrea in Argentina, nella regione del Neuquén. Per due mesi, Andrea, proverà a spiegarci com'è veramente la situazione in quella terra.

Oggi, è il suo pomeriggio di riposo, quindi ha trovato modo di scriverci ( ricordo che in Argentina sono 3 ore indietro, ndr ).

Questa mattina sono stati percorsi 140 Km ( 70+70 ) a vuoto, per via di un blocco stradale dei piqueteros: si tratta di persone che protestano per ottenere aiuti per le persone in difficoltà a causa della disoccupazione e la crisi economica effettuando blocchi stradali ed altre forme di protesta pubblica.

Ieri mattina "spesa" della settimana presso il mercato di frutta e verdura della città di Neuquen, scritto tra virgolette perchè consiste nel recuperare gli ortaggi buttati via, ma ancora buoni. Infatti, uno degli scopi principali della missione è quella di procurare cibo a sufficienza per la popolazione locale, obiettivo non sempre facile a realizzarsi.

Come se non bastasse, aggiunge Andrea, ieri sera il River Plate è stato eliminato nei quarti di finale dalla Coppa Libertadores, l'equivalente della Champions League europea, ed è lutto cittadino ( non so se sia realtà o si tratta di una battuta, ndr ).

Data l'insopportabilità della musica dell'Internet Point, Andrea conclude qui la sua mail.

Hasta luego !

Etichette:

Speciale Vacanze: Ad Arenzano con Viançen - Giorno 2

"Il re è nudo !"
Nel messaggio inviatoci dal nostro tombolotto Viançen, questa esclamzione è seguita da una delle sue solite affermazioni incomprensibili: "...tra l'altro battuta di oggi al megafono le prugne ( albicocche ) sono arrivate da Leningrado stanotte a mezzanotte !".

Ogni tentativo di interpretazione sarà ben accetto nei commenti di questo post.

Sempre nei commenti, potrete aderire alla campagna di Amnesty International "Togliete il megafono a Don Lurio".

Etichette:

Speciale Vacanze: Ad Arenzano con Viançen - Giorno 1

mercoledì 19 luglio 2006



Proseguiamo il nostro speciale vacanze con il viaggio ad Arenzano del mandriano Don Lurio e del suo prode scudiero Viançen.
Non si tratta di un viaggio di nozze come nel caso di Marisa e Paolo, ma sicuramente è una sorta di connubio, forzato, ma sempre di grande interesse.

I primi due MMS inviati dal simpatico tombolotto ( Viançen ) sono conditi da poche parole, ma di altissimo impatto: "Siamo nelle sue mani..." nel primo ( Foto 1 ), "...Siamo fottuti" nel secondo ( Foto 2 ).

Ne vedremo delle belle, stay tuned !

Etichette:

La Norvegia è bella, ma...

Al ritorno dal nostro viaggio ( e visto il successo che ha ottenuto la rubrica "un matrimonio con i fiordi" ), è giusto tirare le fila di questi giorni passati in terra scandinava e magari dare qualche consiglio per chi decidesse di intraprendere il nostro stesso itinerario.

Innanzitutto una considerazione: la Norvegia è bella... La Norvegia è bella... anzi, bellissima !

Se avete intenzione di fare un viaggio immersi nella natura, in una terra tranquilla, non potete che andare là. L'ideale sarebbe attraversarla in macchina ( o in camper ). Guidando sulla statale potrete rilassarvi guardando da una parte della strada il mare e dall'altra le montagne.

La Norvegia è bella... se decidete di andare d'inverno, copritevi bene e provate le slitte e la navigazione con la nave rompighiaccio. Se invece il vostro "tour" è estivo, non esitate ad imbarcarvi su un traghetto per gustarvi i meravigliosi fiordi. Il clima che abbiamo trovato nei primi giorni di luglio era lo stesso dell'Italia... naturalmente senza afa e molto più ventilato !

La Norvegia è bella... e il pesce che mangerete sarà sempre di ottima qualità. Le coste sono piene di villaggi di pescatori ( le isole Lofoten sono il fiore all'occhiello ) ed è molto facile vedere allevamenti di salmone e le strutture per far essiccare il merluzzo. Spostandovi verso nord potrete gustare lo stufato di renna ( che noi abbiamo assaggiato assieme ad una marmellata di mirtilli ).

La Norvegia è bella... ma non aspettatevi svaghi notturni. Verso nord, se volete uscire la sera potrete andare nell'unico bar aperto della città e bere una pinta di birra Mack ( prodotta a Tromsø ). Attenzione con i superalcolici... in Norvegia vengono venduti solo ai maggiorenni e in negozi statali. Ritornando verso il luogo dove siete alloggiati, non avrete paura... il sole vi farà compagnia per tutta la notte.

La Norvegia è bella... ma non fidatevi della signora dell'agenzia di viaggi che vi dirà "che in Norvegia, nei negozi, sono contentissimi di essere pagati in Euro !" Magari ad Oslo sì ( ma non dappertutto... ), sicuramente ad Alta le lamette del rasoio, le gomme da masticare e le bottigliette d'acqua ve le faranno pagare in corone norvegesi ( 1 €=7,8 nok ).

La Norvegia è bella... e Caponord è il posto in cui vale la pena arrivare. Sempre che ci sia bel tempo, perchè, ve lo assicuriamo, con la pioggia e la nebbia è più bella Salita Sant'Anna d'inverno. Nel complesso di Caponord potrete comunque trovare ( anche con la pioggia... ) il bar, l'ufficio postale e il negozio di souvenir... gli stessi servizi che trovate a San Giorgio. Certo, a Caponord non c'è la Cantina Sociale. Se, come è successo a noi, arrivate nel posto più a nord d'Europa e trovate brutto tempo, potete consolarvi leggendo, una volta tornati a casa, il diario della prima persona che ha voluto narrare questa esperienza: "Viaggio in Lapponia" di don Francesco Negri.

La Norvegia è bella... ma prima di ripartire e tornare in Italia, andate ad Oslo ed accomodatevi sulla "Pearl of Scandinavia", la nave che ogni giorno alle 17 salpa per raggiungere Copenhagen verso le 9 della mattina successiva. Passeggiando tra gli undici piani noterete che ci sono piùdivertimenti che in tutta la Norvegia messa insieme ( discoteca, night, ristoranti, bar... ). A Copenhagen sarete incantati dai canali, dai ponti, dai bellissimi parchi, dal porto e dalla bella atmosfera che si respira lungo la via pedonale.

La Norvegia è bella... e il nostro consiglio è di prenderla in considerazione come meta per un vostro futuro viaggio. Siamo sicuri che non vi deluderà... in tutti i modi...

... la Norvegia è bella, ma non so se ci vivrei !

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 10

mercoledì 12 luglio 2006

Siamo ormai giunti al termine del viaggio di nozze... L'ultimo giorno non poteva che includere la visita alla bella Sirenetta, simbolo di Copenhagen.
La capitale danese è tutta da girare in bicicletta ed i suoi parchi sono bellissimi.
Copenhagen è più aperta ad accogliere i turisti rispetto ad Oslo, che è città più giovane e forse ancora in bilico tra essere una grossa città o una capitale europea. Di certo sono posti molto vicini ma diversi... così come i loro cittadini, molto simili nelle caretteristiche fisiche ed allo stesso tempo molto diversi caratterialmente: più "freddi" ad Oslo ( d'altra parte è più a nord ! ), più "europei a Copenhagen.

Alle 16.35 si sale sull'aereo e si torna a casa... Ciao Norvegia e Danimarca... a presto Sudafrica 2010 !!!

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 9

martedì 11 luglio 2006




È quasi giunta al termine la luna di miele dei nostri eroi... Questa mattina alle 9.15 sono sbarcati a Copenaghen ( Foto 1 e 2 ).
Dopo un giro lungo le vie, i ponti e i canali della capitale danese, Marisa l'ha definita sobria, maestosa, e, a tratti, più austera. Più antica ( e sicuramente più sporca ) di Oslo, Copenhagen, a differenza della capitale norvegese, è sicuramente più metropoli.
A Copenhagen risiedono gli stabilimenti delle birre Carlsberg e Tuborg... naturalmente tutte provate !

Finalmente Pablo è riuscito a trovare una Gazzetta del giorno corrente ( Foto 3 ): sono piccole soddisfazioni, quasi come vincere un mondiale.

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 8

lunedì 10 luglio 2006






Foto 1, 2 e 3: Così la stampa norvegese saluta la vittoria dell'Italia... naturalmente non si riesce a capire se anche loro siano contenti o meno... Molte pagine sono dedicate a Zidane ( FIN...edine ! ).
Foto 3, 4 e 5: I nostri intrepidi eroi si sono imbarcati sulla "Pearl of Scandinavia" e lasciano l'accogliente Oslo per dirigersi verso Copenhagen.
"Ci godiamo gli ultimi giorni del nostro viaggio facendoci un giro sul "traghettone" ( definizione redatta da Marisa ) che ogni giorno collega la capitale norvegese con quella danese e viceversa.
Sul "traghettone", previa consegna degli appositi moduli, è stata restituita parte dell'IVA che hanno speso facendo acquisti nei negozi, norvegesi. Questa tassa viene restituita a tutti i cittadini residenti nell'Unione Europea. Ciao Oslo... la Norvegia è bella ma non so se ci vivrei ( Marisa, dice, che lei ci vivrebbe... )."

Etichette: ,

Adieu Zizou

Francamente ci saremmo aspettati un addio diverso e saremmo stati anche disposti ad applaudirlo se fosse stato lui ad alzare la Coppa al cielo. Perchè i campioni, e lui è stato davvero un fenomeno, qualsiasi sia la maglia che indossano meritano questo.
Ma la testata a Materazzi se la poteva risparmiare. E non importa se lo spilungone difensore italiano lo abbia provocato o meno. Perchè un campione si vede anche in queste occasioni.
Zinedine Zidane è stato un estroso con i piedi e in alcuni casi anche con la testa. La sua carriera, impreziosita da tante giocate strepitose, è stata rovinata da alcuni comportamenti poco sportivi che gli sono costati cartellini rossi e squalifiche.
Ieri sera, dopo il suo gol dai sedici metri che aveva portato in vantaggio la Francia ha toccato di nuovo il fondo. E viene da pensare che con Zidane fino alla fine i galletti francesi avrebbero fatto ancora più paura. Anche durante la lotteria dei rigori.
Zidane aveva annunciato il suo ritiro dal calcio giocato al termine dei Mondiali tedeschi e quella all'Olympiastadion dovrebbe essere stata la sua ultima partita. Da ieri sera, com'era scritto su uno striscione, «Il gallo non canta più !».
Adieu Zizou.

Etichette: ,

Tu chiamale se vuoi emozioni... mondiali

domenica 9 luglio 2006


Al termine della vittoriosa partita Italia ed Ucraina, tra lo stupore generale dei presenti, Claudio "Ciuchino" disse: «Quest'anno il Mondiale lo vinciamo noi !». E tutti a fare gli scongiuri.
Sconvolta dall'ennesimo scandalo calcistico, l'Italia è finita nel pallone curiosa delle intercettazioni, divisa nelle condanne processuali, letteralmente travolta da un entusiasmo contagioso.
Con tante speranze e poche certezze la Nazionale di Lippi si è affacciata alla competizione mondiale con l'intento di non sfigurare e soprattutto la voglia di ridare un'immagine al nostro calcio. Ogni partita ha avuto i suoi eroi, è questa è stata forse la vera forza degli azzurri. Non uno solo, ma il gruppo.
Per chi, come noi, nell'82 era troppo piccolo per festeggiare è finalmente arrivata l'occasione; nel '94 furono i rigori sbagliati da Baresi, Massaro e Baggio a condannarci contro il Brasile di un giovanissimo Ronaldo; nel 2000 furono il gol di Wiltord allo scadere e il golden gol di Trezeguet a far rimare strozzato in gola il grido d'esultanza per un Europeo ormai vinto.

Questa volta no. Grazie al pareggio di Materazzi, grazie agli operai Cannavaro, Gattuso e Zambrotta, ma anche al lavoro di tutta la squadra, la quarta stellina è arrivata.

A Marco Civoli è riuscito alla prima occasione quello che mai Bruno Pizzul è riuscito fare; gridare al microfono: «Campioni, campioni, campioni, campioni !».
Come ventiquattro anni fa il pallone si è rialzato dalla polvere e un paese intero ha potuto esultare mostrando orgoglioso il tricolore. Abbracci, urla, lacrime, caroselli, bagni nelle fontane, fuochi d'artificio; ognuno festeggia a suo modo.
Capire tu non puoi, tu chiamale se vuoi emozioni...

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 7



"Entriamo nel nostro hotel di Oslo, De Rossi: Goal, Del Piero:Goal, Grosso: Goal... Campioni del mondo... Campioni del mondo... Campioni del mondo... Campioni del Mondo !
I turisti italiani dell'Hotel Christiania iniziano a cantare l'inno italiano ( Foto 1 ).
Tutto bellissimo, sicuramente meglio di Caponord con la nebbia ! E adesso si festeggia al Burger King ( Foto 2 ) !"

Etichette: ,

Azzurro o Blu ?

Tranquilli ! Non è un sondaggio per sapere quale colore preferite per il restyling del nostro blog, anche perchè non è all'ordine del giorno.
Questo è semplicemente l'interrogativo che sta tormentando gli appassionati di calcio ( e forse non solo quelli ) di tutto il mondo.
Questa sera si gioca la finale del Campionato del Mondo di calcio all'Olympiastadion di Berlino; in campo e sugli spalti Italia contro Francia, azzurri contro bleus, pizza e spaghetti contro croissant e baguette...
Le cronache di questi giorni raccontano di come i tifosi italiani si stiano preparando a questo appuntamento: maxischermi, magliette e bandiere, cori da stadio...
Il Caña Team ha scelto il basso profilo accogliendo la linea sostenuta da Rezzo che ha predicato calma fin dall'inizio di Italia-Germania e che si è rifiutato di festeggiare dopo la vittoria che ci ha portato in finale.
Il programma per stasera è quanto mai scarno: soltanto pizza e visione della partita, perchè null'altro deve essere organizzato. Senza bandiere, senza trombette, senza neanche ( purtroppo ) una birra fresca da gustare mentre si è davanti al maxischermo...

Azzurro o Blu ? Chi sa di che colore sarà questa sera il cielo sopra Berlino ?

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 6

sabato 8 luglio 2006





Mattinata trascorsa a Hammerfest ( Foto 1 ), la città più a nord del mondo.
La fortuna non è stata molto gentile con questa città: travolta da una burrasca nel 1856, devastata del fuoco nel 1890 e poi ancora nel 1944 ad opera dei nazisti.
Però la sua storia può cambiare radicalmente: il gasdotto più lungo del mondo ( 143 Km ) ha una riserva stimata di 193 miliardi di metri cubi di gas e rimarranno attivi per 25/30 anni... Un profondo impatto per l'economia di Hammerfest.
Qui è molto facile trovare le renne... anche in centro ! In questa stagione si spostano dagli altopiani verso il mare: anche le renne vanno in villeggiatura !

Nel pomeriggio spostamento a Capo Nord, alloggiamento presso il Rica Hotel di Nordkapp, ovvero il villaggio olimpico di Lillehammer, che finito di ospitare gli atleti, è stato smontato e portato a Capo Nord.
"Vedere il sole che tocca il mare a mezzanotte è un'emozione difficile da spiegare: percorrere tanti kilometri per venire fin qui è una cosa che vale la pena fare almeno una volta nella vita, se poi è durante il viaggio di nozze è sicuramente qualcosa di indimenticabile ! Peccato che oggi a Capo Nord piova e ci sia la nebbia ( Foto 2 e 3 )... quindi niente sole di mezzanotte !!"

P.S.
Visto che è sabato, Pablo non voleva mancare l'appuntamente con il libro della settimana. Il suo suggerimento di lettura, direttamente dalal Scandinavia, è orientato su due libri: il primo è la traduzione in norvegese di un libro di Andrea Camilleri, Foto 4 ( forse tra poco ne uscirà anche l'audiolibro letto in norvegese da Fiorello ); il secondo è un particolare regalo per il pulcino Michele... la versione norvegese del Sudoku: il Kakuro ( Foto 5 ) !!
I norvegesi assicurano sarà il passatempo dell'estate !

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 5

venerdì 7 luglio 2006




È giunto il giorno dei tanto sospirati fiordi: al mattino navigazione lungo gli splendidi Ullsfjord ( Foto 1 ) e Lyngenfjord ( Foto 2 ), poi pranzo ( di cui il piatto principale è stato lo stufato di renna ) con ampia vista sul fiordo di Kvænangen ( Foto 3 ).
Sui fiordi c'è un clima mite ( oggi pioveva ) e le temperature scendono raramente sotto lo zero: questo grazie alla corrente calda del Golfo. Un buon posto dove passare le vacanze... o i viaggi di nozze.

Nel pomeriggio sbarco ad Alta, 70' di latitudine nord: sulle scogliere, dichiarate Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, ci sono circa 5000 incisioni rupestri dell'età della pietra; secondo gli studiosi risalgono ad un periodo compreso tra i 6000 ed i 2000 anni fa.
Nella Foto 4, l'unica piazza di Alta, studiata per far incontrare le persone.

Per la rubrica "Non tutti sanno che... Speciale Norvegia", ai norvegesi la dichiarazione dei redditi arriva a casa già compilata, si controlla che sia tutto giusto e si rispedisce agli uffici centrali delle entrate. Ultimamente, se la propria dichiarazione è tutta giusta, basta inviare un SMS e dopo pochi giorni arriverà a casa la ricevuta !
I norvegesi sono un popolo troppo avanti !

Pe la cronaca oggi è il compleanno di Gianluca, un bambinello di Roma che è in viaggio con i nostri sposini. Non poteva mancare la canzoncina "Tanti auguri a te" cantata dal grande ( o meglio, vecchio ) coro degli amici livornesi

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 4

giovedì 6 luglio 2006




Nella Foto 1 possiamo constatare come la stampa norvegese ha salutato l'approdo della nazionale italiana in finale.
In mattinata i nostri prodi sposini hanno lasciato le Isole Lofoten via traghetto per arrivare alle
Isole Vesterålen ( Foto 2).
Nel pomeriggio arrivo alla città di
Tromsø, essa può vantare il venerabile birrificio Mack ed un numero pro capite di pub superiore a quello di ogni altra città norvegese. Ha ricevuto il soprannome di "Porta dell'Artico": da qui partono le spedizioni per il Polo Nord. Un visitatore tedesco, nei primi del '900, la definì la "Parigi del Nord"... insomma "se Tromsø¸ avesse lu mer, sarebbe un piccola Ber !"
Nella Foto 3 il ponte di Tromsø, nella 4 la Cattedrale Artica.

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 3

mercoledì 5 luglio 2006



Foto 1: Scorcio di un ristorante di A, nelle Isole Lofoten, in esso ha avuto luogo la più epica delle mangiate di pesce ( Foto 2 ) della vita dei nostri sposini.

Nel pomeriggio spostamento a Svinøya, capitale delle suddette isole. Si tratta di un pezzo di Norvegia molto particolare: l'unica strada statale che l'attraversa ha da una parte il mare e dall'altra le montagne. Per un po' di Kilometri il mare è a destra e le montagne a sinistra, poi per altri Kilometri al contrario, così si alternano vicendevolmente per tutta la sua lunghezza.

Etichette: ,

Un matrinomio coi fiordi: Giorno 2

martedì 4 luglio 2006




Questa mattina visita di Oslo, il tempo è molto bello e caldo, ma senza afa. La guida, di fronte al fiordo di Oslo ha ricordato che si trovano sul livello del mare...
La prima foto riguarda un signorina con idropulitrice al Frogner-Parken.
Ogni volta che si entra nel centro di Oslo si paga il pedaggio: 20 nok ( circa € 2,5 ) per le auto e 40 nok ( € 5 ) per il pullman. Tale pedaggio viene introdotto nel momento in cui viene realizzata un nuova opera in città , una volta che è stata realizzata e le spese sono state coperte, il pedaggio viene rimosso !
La seconda immagine riguarda il trampolino olimpico utilizzato nelle Olimpiadi invernali di Oslo nel 1952.

La terza riguarda la camera presso l'hotel di Bodø, città presso la quale sono atterrati in serata.
Lo schermo mostra la partita Italia-Germania, seguita con commento in danese. La prima parte della serata è trascorsa assieme a dei livornesi che reclamavano Amelia in campo.

Da notare che alle 23.45 il cielo è ancora chiaro ed inizia a fare freschino.

Etichette: ,