<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Black or White ?

venerdì 26 giugno 2009

È mancato ieri l'icona di due generazioni, Michael Jackson. Forse nessuno riuscirà mai a raggiungere il suo ruolo di indiscusso re del pop.
Michael va al di là dal semplice essere leader di un genere musicale, è la mediatizzazione di un malessere interiore molto comune al giorno d'oggi: l'accettare se stessi.
Il cambio di colore, i vizi infiniti, il ranch / parco giochi... tutti simbolo di un'infanzia negata e travagliata. All'età di 8 anni esordì nel gruppo di famiglia, i Jacksons 5. Da quel momento prese ad una serie fittissima di esibizioni, anche più al giorno.
Da lì in poi il successo planetario, i guai fisici, i guai giudiziari ( veri o presunti ? ) ed il triste declino.
Noi, che nel 1991 siamo corsi ad acquistare la musicassetta di Dangerous, lo ricordiamo con un sorriso:

Etichette:

GOODBYE GENERAL MOTORS

mercoledì 17 giugno 2009

"Esattamente cento anni fa i fondatori della General Motors convinsero il mondo ad abbandonare cavalli, selle e frustini per un nuovo mezzo di trasporto. Ora e' il momento di dire addio al motore a combustione interna. per molto tempo ci e' sembrato utile. Ci e' piaciuto mangiare in macchina al MacDrive. Abbiamo pomiciato sui sedili davanti e dietro. Abbiamo visto i film su grandi schermi all' aperto, siamo andati ai gran premi e abbiamo visto il mare per la prima volta dal finestrino di una autostrada. Ma ora e' finita. Siamo entrati in un nuovo millennio. Il presidente degli Stati Uniti e il sindacato dell' auto devono approfittare dell' occasione per spremere questo limone triste e amaro e ricavarne una succosa limonata."

Con queste frasi Michael Moore conclude il suo articolo intitolato "Goodbye General Motors" sul The Daily Beast e pubblicato in Italia da Internazionale.
Il regista americano, che vent'anni fa aveva girato "Roger & Me" (documentario sulla  crisi della General Motors e sulla chiusura di una fabbrica di automobili a Flint, città natale di Moore) con questo articolo vuole dare qualche interessante suggerimento al presidente degli Stati Uniti d'America Barack Obama. Per il bene degli USA, dei lavoratori e del pianeta.


Leggi l'articolo integrale.

Etichette:

I 5 motivi che ci fanno pensare che il matrimonio di Elena e Alessandro è stato un successo...

lunedì 15 giugno 2009

5. "L'Eco a Bergamo" ha avuto il record di tirature più alto della sua storia ( è scaricabile QUI, 9MB )

4. La "garanzia del Signore" invocata da Elena durante il rito del matrimonio è da sabato riconosciuta in tutti gli stati dell'Unione Europea, anche se sono ancora sconosciuti gli anni di validità e le modalità inerenti il diritto di recesso.

3. L'asta del Fantacalcio per la lega Kebabbara ha trovato finalmente una nuova e confortevole sede ( la dimora dei novelli sposi... )

2. Renato Carusone e Spino Daniele ci hanno fatto venire i brividi con il CD "Sing 'ammore!": testi graffianti e voci da "urlo" !

1. Il blog "Wedding Planning" HA TERMINATO LA SUA FUNZIONE e la newsletter informativa sui preparativi del matrimonio NON CI ARRIVA' PIU' !


Etichette:

Dieci domande qualunque

martedì 9 giugno 2009

1. Ma vi sembra normale che solo agli italiani non faccia effetto essere governati da chi condiziona il loro immaginario attraverso le televisioni?

2. Ma vi sembra normale che in tutte le interviste pre-elettorali la domanda più dura che gli hanno rivolto sia stata «ci dica»?

3. Ma vi sembra normale che i dirigenti del Pd siano tutti ex del Pci e della Democrazia cristiana?

4. Ma vi sembra normale che Clinton, Jospin, Schroeder, Blair e persino Gorbaciov facciano un altro lavoro da anni e loro invece insistano?

5. Ma vi sembra normale che Pdl e Pd abbiano perso milioni di voti e parlino solo di quelli persi dagli avversari?

6. Ma vi sembra normale che i verdi trionfino ovunque, mentre qui, appena ne vedi uno in faccia, viene voglia di tifare per l’effetto-serra?

7. Ma vi sembra normale che chi detesta Berlusconi voti Di Pietro, che è come dire: detesto il Bagaglino quindi vado a vedere Bombolo?

8. Ma vi sembra normale che l’Italia cristiana sia rappresentata in Europa da Magdi Cristiano Allam e Borghezio?

9. Ma vi sembra normale che tutti sputino addosso alla Casta e poi Mastella prenda ancora 112 mila voti di preferenza?

10. Ma vi sembro normale?

Ad almeno nove domande su dieci (compresa la numero 10) la mia risposta è no. 

.
(MASSIMO GRAMELLINI - Buongiorno de "La Stampa" di martedì 9 giugno 2009)

Etichette:

L'Amaca di martedì 2 giugno 2009

mercoledì 3 giugno 2009

È già stato detto che questi sono tempi difficili per la satira. È un linguaggio che procede per paradossi. Ma la realtà italiana glieli brucia tutti, uno per uno. La surclassa. La anticipa. Le leva il terreno sotto i piedi. Esempio. Nella mia rubrica di satira sull' Espresso, solo un paio di settimane fa, avevo immaginato il terzo matrimonio del nostro premier con una suonatrice di nacchere. Classica iperbole, vecchio ferro del mestiere, evidente forzatura per parodiare la realtà. Poi ieri, ascoltando un giornale radio, scopro che su uno dei voli di Stato destinati a trasportare l' entourage del premier pare ci fosse una ballerina di flamenco. Non so se sia anche suonatrice di nacchere (le due antiche e nobili discipline sono spesso contigue). Ma ci sono rimasto veramente male: nemmeno il tempo di allestire una piccola farsa di fantasia, e quella si avvera. A pensarci bene, gran parte del nostro percorso collettivo degli ultimi vent' anni è una catena di paradossi realizzati. «Stai a vedere che nomina ministro una velina». E la nomina. «Sarebbe capace di ricevere un capo di Stato vestito da nostromo»,e lo riceve vestito da nostromo. «Gli manca solo una suonatrice di nacchere», e compare una ballerina di flamenco. Morale: è meglio non immaginare più niente. Come lo immagini, Berlusconi lo realizza. Evitare, soprattutto, di pronunciare la battuta «prima o poi si proclama Imperatore del Mondo». 
.
(MICHELE SERRA - "La Repubblica" di martedì 2 giugno 2009)

Etichette: ,