<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Al via la campagna 'Non aver paura, apriti agli altri'

martedì 31 marzo 2009


Le associazioni (sia laiche che religiose) che hanno deciso di unire le forze per promuovere su tutto il territorio nazionale questo progetto sono 26. Il motto della campagna è “combattere la piaga della discriminazione aprendosi agli altri”.
L’iniziativa che ha come titolo “Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti”, avrà come scopo quello di far firmare al maggior numero di persone possibili il Manifesto della campagna. Le firme raccolte verranno consegnate al Presidente della Repubblica in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato promossa dalle Nazioni Unite, che si celebra il 20 giugno. 
Combattere il razzismo non è un'utopia, solo promuovendo la conoscenza reciproca si possono abbattere i pregiudizi e gli stereotipi.
 
Vi invitiamo a visitare il sito di “Non avere paura”, leggere il manifesto della campagna e firmalo.

Etichette:

Attali

venerdì 27 marzo 2009

Sempre da "Internazionale" pubblichiamo la rubrica "La Settimana" del direttore Giovanni De Mauro, che smentisce in parte quanto scritto la settimana scorsa. Ma che non cambia il suo (e nostro) pensiero su questo argomento.
.
Se fosse successo tra qualche giorno, sarebbe stato un pesce d'aprile perfetto. La notizia di cui abbiamo parlato la scorsa settimana era falsa: i libri di Jacques Attali non sono gratis online. È vero che l'ex consigliere di Mitterrand ha difeso il download gratuito di musica e film. È vero che per questo è stato attaccato. Ma il sito con l'annuncio che tutti possono scaricare i suoi libri è finto, è uno scherzo fatto ad Attali. Altri però fanno sul serio: da Wu Ming ai Radiohead, sono parecchi gli autori che hanno deciso di seguire questa strada. Nel frattempo Attali ha recensito sul suo blog (quello vero!) il prossimo libro del direttore di Wired, Chris Anderson. Il titolo è Free, gratis. Prima o poi, sostiene Anderson, tutto diventerà gratuito: è un processo inesorabile, a cui anche le grandi aziende dovranno adeguarsi. Molto interessante, ha commentato Attali. Insomma, andrà a finire che la notizia dei suoi libri gratis non era falsa, ma solo in anticipo.

Etichette:

Lezioni

sabato 21 marzo 2009

Pubblichiamo da "Internazionale" la rubrica "La Settimana" del direttore Giovanni De Mauro.

"Che sia possibile, nel 2009, far votare al parlamento, con i voti della destra e di una parte della sinistra, una legge indegna come quella in discussione oggi è un ulteriore segno del fatto che le élite politiche ed economiche di questo paese non capiscono nulla di giovani, di tecnologia e di cultura". Sembra l'Italia, ma siamo in Francia. E sono parole di Jacques Attali, intellettuale ed economista, a lungo consigliere di Mitterrand. Nel suo blog, Attali ha attaccato il progetto di legge che vuole impedire il download gratuito di musica e film. L'ha definito "scandaloso e ridicolo", perché applica una norma sul diritto d'autore che risale al diciottesimo secolo. Bisogna trovare nuovi modi. Nei commenti al suo post, un anonimo lettore ha scritto: "Sono un musicista indipendente. Lei avrà l'autorità morale per dare lezioni sulla gratuità solo quando avrà messo gratis su internet tutti i suoi libri". Il giorno dopo Attali l'ha fatto: i cinquanta saggi che ha scritto negli ultimi trent'anni sono online a disposizione di tutti.

Etichette:

Ciuchino Show

martedì 17 marzo 2009


Se siete abbonati Sky c'è il serio pericolo di trovarsi Fiorello che vi prepara la colazione o vi porta a casa la spesa. Da circa una settimana, su ogni canale della piattaforma satellitare spunta all'improvviso il simpatico ex re del Karaoke che ricorda l'inizio del suo nuovo programma. La questione sta iniziando a diventare insostenibile.

Per questo motivo, siamo pronti ad annunciare un nuovo programma che SkyCaña manderà in onda proprio dal 2 aprile: il "Ciuchino Show".
In diretta dagli studi di Londra, Ciuchino condurrà una striscia quotidiana che affronterà argomenti di stretta attualità con ospiti a sorpresa. In ogni puntata ci saranno le irriverenti incursioni del Cervo che imita Max Tortora che imita Rispoli.
Uno spettacolo da non perdere: dal 2 aprile tutti davanti alla tv, anche perché dietro non si vede niente!

Etichette: , , ,

La nostalgia della "bettola" di Santiago

lunedì 2 marzo 2009

Non tutti sanno che...

...da grande il Tombolotto vuole fare il dottore;

...il vero nome di Rezzo è Lorenzo;

...il Caña Team frequenta i centri benessere perchè impazzisce per la "doccia emozionale";

...Pablo si è sposato perche non voleva più dormire nella stessa stanza di Berto;

…Paciugo, oltre a pensare in inglese, sogna in inglese ma con i sottotitoli;

…nessuno dei componenti del Caña Team ha aperto un blog personale perché l’unico che ne capisce di internet è Rezzo;

...Berto era stato contattato da Mediaset per condurre "Matrix" al posto di Enrico Mentana, ma essendo troppo conosciuto, Mediaset ha dovuto ripiegare su Alessio Vinci;

…Muni ha nostalgia della “bettola” di Santiago;

...chi non lascia un commento a questo post è un pirla.

Etichette: ,