<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Attali

venerdì 27 marzo 2009

Sempre da "Internazionale" pubblichiamo la rubrica "La Settimana" del direttore Giovanni De Mauro, che smentisce in parte quanto scritto la settimana scorsa. Ma che non cambia il suo (e nostro) pensiero su questo argomento.
.
Se fosse successo tra qualche giorno, sarebbe stato un pesce d'aprile perfetto. La notizia di cui abbiamo parlato la scorsa settimana era falsa: i libri di Jacques Attali non sono gratis online. È vero che l'ex consigliere di Mitterrand ha difeso il download gratuito di musica e film. È vero che per questo è stato attaccato. Ma il sito con l'annuncio che tutti possono scaricare i suoi libri è finto, è uno scherzo fatto ad Attali. Altri però fanno sul serio: da Wu Ming ai Radiohead, sono parecchi gli autori che hanno deciso di seguire questa strada. Nel frattempo Attali ha recensito sul suo blog (quello vero!) il prossimo libro del direttore di Wired, Chris Anderson. Il titolo è Free, gratis. Prima o poi, sostiene Anderson, tutto diventerà gratuito: è un processo inesorabile, a cui anche le grandi aziende dovranno adeguarsi. Molto interessante, ha commentato Attali. Insomma, andrà a finire che la notizia dei suoi libri gratis non era falsa, ma solo in anticipo.

Etichette:

Spillato dal Caña Team alle 08:04 -

0 boccali pieni:

Riempi un boccale !