<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Titolo

martedì 31 gennaio 2006

Etichette:

Meno dieci

Ciò di cui stiamo per parlare non ha nulla a che fare con le temperature fatte registrare nelle ore notturne in questi giorni.
In realtà , è ormai agli sgoccioli in count-down per i XX Giochi Olimpici Invernali di Torino che prenderanno il via il 10 febbraio con la Cerimonia d'Apertura allo Stadio Olimpico ( l'ex Comunale ).
Accesa l'8 dicembre a Roma in Piazza del Quirinale dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, la Torcia Olimpica ( che delle Olimpiadi ne è il simbolo ) sta percorrendo gli 11 mila e 300 chilometri del suo lungo viaggio per le regioni d'Italia, ed oggi nella tappa che la porta da Varese a Pavia farà "sosta" a Casale.
Il suo arrivo in città è previsto per le 16.45 in piazza Castello; poi, circa mezz'ora dopo, inizierà il suo brevissimo percorso per il centro, da via Saffi a viale Morozzo San Michele.
Anche ai casalesi sarà quindi possibile assaporare lo spirito olimpico che ha già contagiato il resto d'Italia grazie ai cinque tedofori selezionati ( Raffaele Tentori, Elisa Uga, Andrea Volpato, Giovanni Lanfranco, Marco Cerro ).
Tempo di percorrenza: nove lunghissimi interminabili minuti.

Etichette:

Comincia l'anno del Cane

lunedì 30 gennaio 2006

Il più grosso spostamento umano immaginabile in tempo di pace: è quello che ci si aspetta in Cina in vista del Capodanno cinese, il 29 gennaio. Nelle cinque settimane in cui scuole ed università rimarranno chiuse, secondo il dipartimento dei Trasporti cinese, verranno effettuati due miliardi di viaggi. Spostamenti più o meno brevi che hanno mobilitato l'intera struttura dei trasporti del Paese: le ferrovie hanno messo in funzione 350 treni supplementari; le compagnie aeree hanno previsto 8.400 voli straordinari; non sono ancora disponibili le cifre per i viaggi previsti in nave e soprattutto in autobus, il mezzo di trasporto più economico e diffuso, in particolare nelle campagne.

Dimenticavamo di dire che quello che inizierà sarà l'anno del Cane ( finisce dunque l'anno del Gallo ), che secondo le previsione degli astrologi sarà un anno «di fiducia e ottimismo», propizio per la lotta all'inquinamento e per gli affari in Borsa. Tutto ciò malgrado il perdurare di guerre e disastri, l'aumentare di rifugiati e di persone rese senza casa da inondazioni e tifoni.
Ma, quello che inizierà , sarà anche un anno pessimo per la televisione.

Siamo sicuri che gli astrologi stiano parlando della televisione cinese e non di quella italiana ?

PS: Cosa significano gli ideogrammi di questo post ? Quello a sinistra "Buon Anno", quello a destra...

Etichette:

IO CHE SONO IMPARATO: il libro della settimana

sabato 28 gennaio 2006

Felici per il grande successo che stanno riscuotendo i libri del Caña Team ( "Dichiaro guerra all'Equipe" e "Cucinare col Chivas in 10 minuti" sono alla II edizione ), vi proponiamo il libro+DVD di questa settimana.
Un'opera cultural-letteraria ( perchè, ricordiamolo, la danza è anche cultura ) che ha visto la luce grazie all'impegno di più forze. Un cofanetto che può "incastonarsi" nella vostra libreria, solo se è ben nascosta agli occhi dei vostri amici.
Vi ricordiamo, inoltre, che il ricavato delle vendite di libro e DVD saranno devoluti alle discoteche che ospitano settimanalmente gli autori del libro.

Etichette:

Memoria... oggi, domani, sempre !

venerdì 27 gennaio 2006

Oggi, venerdì 27 gennaio, è il Sesto Giorno della Memoria, in ricordo delle persecuzioni naziste.

Il nostro Parlamento con la legge 211 del 20 luglio 2000 ha voluto che ogni anno, in questo giorno, "siano organizzati momenti di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, in modo da conservare la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia, affinchè simili eventi non possano mai più accadere."

Molte sono le storie dei sopravvissuti ai campi di concentramento: storie drammatiche che narrano di dove la pazzia degli uomini, guidata dall'ideologia nazista, possa arrivare nel considerare inferiori altri uomini, perchè di altra religione o di altro colore della pelle.

Dice Hanna Levy-Hass nel Diario di "Bergen-Belsen 1944-1945":
«È spaventoso cosa hanno fatto degli uomini. Le scene più oscure del medioevo e dell'inquisizione sono qui riprodotte e moltiplicate a oltranza. La loro mostruosa "ripresa" marcherà per sempre d'ignominia e d'infamia la Germania "civile" e "colta" del ventesimo secolo. ( ... ) Questo campo non è stato creato per concentrarvi per un certo periodo di tempo deportati civili o prigionieri di guerra, per privarli temporaneamente della libertà, per ragioni politiche, diplomatiche o strategiche, con l'intenzione di mantenerli in vita per liberarli prima o dopo la fine delle ostilità.
No: questo campo, coscientemente e deliberatamente, è stato organizzato e amministrato in modo da sterminare in modo metodico e pianificato migliaia di esseri umani. Se tutto questo va avanti ancora soltanto un mese, dubito fortemente che uno solo tra di noi ne uscirà vivo».

Noi non vogliamo dimenticare !

Etichette:

Onorevole, ma non troppo

mercoledì 25 gennaio 2006

Ad Aprile ci saranno le elezioni. E nelle ore successive ci sarà gran fermento nelle segreterie di partito in attesa dei risultati.

C'è chi, però, aspetta ancora quelli delle elezioni del 2001. Succede che dopo cinque anni di batta­glie legali per vedere riconosciuti quegli 89 voti di vantaggio nel collegio pugliese n°33, la magistra­tura prima e la giunta per le elezioni della Camera adesso si so­no accorti che effettivamente, il diessino pugliese Faggiano aveva ra­gione, c'è stato davvero un errore. Alle ultime politiche il candi­dato ulivista di voti ne aveva raggranel­lati 34.974 mentre il polista Sardelli 34.934. Il verbale definitivo in­vece aveva assegnato 35.023 preferenze a Sardelli e 34.885 a Faggiano.
Cos'era successo ? Sem­plice, un errore di trascrizio­ne.
Risul­tato: Sardelli onorevole a Roma e Fag­giano, per altro parlamentare uscente, rispedito alla società far­maceutica della quale è dipendente.
C'è voluta un'inchiesta, aperta d'ufficio dalla Procura di Brindi­si e conclusa il 22 dicembre scor­so, per costringere la Camera a ri­fare i conti. Il GIP ha rinviato a giudizio tutti i componenti della distratta sezione 7 di Latiano. E a Montecitorio la svolta è arrivata la settimana scorsa: l'ufficio di presidenza della giunta ha deciso di riaprire il fa­scicolo, proprio alla luce delle conclusioni dell'inchiesta giudi­ziaria. L'esito, dato che quei conti li ha già fatti la magistratura, è piuttosto scontato.
Un incidente ? Una casualià ? Non proprio, a sentire il presidente della giunta Soro: «Il 7 febbraio, ci pronunceremo su un caso quasi identico, verifica­tosi nel collegio di Vibo Valentia, dove l'ulivista Domenico Carra­pelli sembra aver avuto 5 voti in più del deputato UDC insediato nel 2001, Michele Aneli». Pure per Carpelli si potrebbero dunque apri­re le porte di Montecitorio.
Sarebbe una storia a lieto fine; peccato però che, la prossima settimana, nell'ultima seduta della Camera il presidente Casini scampanellerà la chiu­sura della legislatura.

Etichette:

Conosciamoci meglio ? Anche no... ( parte seconda )

martedì 24 gennaio 2006

Sperando di non ricevere e rispondere più a simili "catene", ecco la seconda parte del "profilo" del Caña Team:

13. Sport da vedere in TV ? Il Curling.
14. Odore preferito ? L'odore della vittoria
15. Suono preferito ? L'assolo di Muni dopo una media...
16. Quante volte hai fatto l'esame per la patente ? Sei ! ( d'altra parte siamo sempre in sei... )
17. Come ti vedi da qui a 10 anni ? Ad un pranzo sociale ad ascoltare il "In vivo vevitas..." di Viancio...
18. Nome della prossima figlia femmina ? Maria Soledad
19. Sei destro o mancino ? Toujours à la gauche
20. Cosa fai di solito quando ti senti giù ? Schiacciamo il pulsante dell'ascensore
21 Cos'è che ti fa più arrabbiare ? Quando l'Italia perde ai rigori.
22. Qual è la cosa più bella che esiste ? Lo spillatore !
23. La tua massima ? Bere oggi la bionda che puoi bere anche domani.

Etichette:

Onorevole Karaoke

lunedì 23 gennaio 2006

Non solo i calciatori della nazionale azzurra hanno dei problemi con l'inno della propria nazione. Anche alla Duma, il Parlamento Russo, hanno dimostrato di non sapere le parole dell'inno nazionale. E Vladimir Putin non ha mai perso occasione di rinfacciare questa "mancanza" ai propri parlamentari che dal 2000 si sono trovati di fronte al nuovo testo, che sostituiva quello «sovietico», pur rimanendo invariata la vecchia musica di Aleksandr Aleksandrovic.

L'inno nazionale in Russia viene eseguito non solo nelle grandi ricorrenze, ma anche nell'aula del Parlamento alla vigilia della chiusura per le vacanze. A un deputato del Partito liberaldemocratico ( quello nazionalista di Zirinovskij ) è venuta un'idea geniale: provare con il karaoke come si usa ormai nei programmi di varietà . A Putin l'idea è piaciuta.

Prima della chiusura per la pausa invernale, alla Duma, si sono visti i deputati non più imbarazzati nel far finta di muovere le labbra, ma cantare a squarciagola con l'occhio fisso sui monitor sparsi per le sale del Parlamento dove scorrevano i versi dell'inno.

Che non venga in mente anche a Lippi di invitare nel ritiro pre-mondiale anche il massimo teorico del "karaoke italico" Fiorello ? E se con il canto non andrà bene, vi immaginate che duetti con il "barzellettiere" Totti ?

Etichette:

Per non dimeticare

domenica 22 gennaio 2006

Il ricordo della Banda Tom per i casalesi è un po' la Giornata della Memoria locale.
La mattina del 15 Gennaio 1945 nella Cittadella in piazza d'Armi venivano trucidati Tom e i suoi dodici compagni partigiani dopo che erano stati sorpresi e catturati nei pressi di Casorzo a fine Dicembre.
Oggi, come ogni anno in questo periodo, la Città di Casale e i Comuni del Monferrato ricordano quell'avvenimento e rendono omaggio a quei giovani che, come molti altri italiani, misero in gioco la propria vita per regalare libertà e democrazia ad un Paese in ginocchio a causa della Seconda Guerra Mondiale.

Libertà e democrazia: valori che forse oggi diamo un po' troppo per scontati; valori che è giusto riaffermare e sui quali, almeno una volta all'anno, vale la pena di riflettere per non dimenticare quanto sia costato ottenerli.

Etichette:

IO CHE SONO IMPARATO: il libro della settimana

sabato 21 gennaio 2006

Terza uscita per i libri del Caña Team con la nuova collana "Libro+DVD". Questa settimana più che un libro, un vero e proprio manuale scritto dai protagonisti del settore, con trucchi ed accorgimenti, per non sfigurare con gli amici al ritorno da vacanze e viaggi.

Insieme al libro, il DVD con le immagini dei loro migliori "due di picche" presi in giro per il mondo.

Etichette:

Wilson

venerdì 20 gennaio 2006

Oggi è mancato Wilson Pickett, pioniere del Soul e Rhythm'n'Blues.
Tra i suoi più grandi successi "Mustang Sally" e "In the Midnight Hour".
Vi ricordate "Everybody needs somebody" ? Era sua, ma ricordiamo la travolgente versione dei Blues Brothers.
Vi ricordate il film "The Commitmens" ? Ne fu il protagonista indiscusso ( beh, più o meno... chi l'ha visto sa di cosa stiamo parlando ).
Vi ricordate la canzone "Un'avventura" di Lucio Battisti ? No, non era sua, ma la cantò insieme a lui al Festival di Sanremo del 1969. Per chi ha visto le immagini di questo evento, immagini in Bianco e Nero, è bellissimo notare i denti dello stesso colore della camicia ( bianco ), e tutto il resto del colore della giacca ( nero )...

Etichette:

Conosciamoci meglio ? Anche no... ( Prima parte )






Vista la molto diffusa moda di rompere le scatole alla gente per bene con delle inutili "catene" via mail, anche noi ( nel pieno delle nostre facoltà mentali ) vogliamo partecipare, sperando di porre fine a questa simpatica iniziativa...

Eccovi la prima parte:




01. Nome che c'è nella tua carta di identità : Caña Team
02. Nomignolo/i: Simpatiche canaglie
03. Numero di scarpe? 12 ( siamo in 6... )
04. Luogo di nascita: Santiago de Campostela
05. Residenza attuale: Togo
06. Sprite o 7up ? Bionda alla spina...
07. Coca Cola o Pepsi? Rossa alla spina...
08. Film preferito ? Il cortometraggio "Viva Colonia"
09. Parola d'ordine ? Prrrrrrrr !!
10. Canzone preferita ? "Vai avanti" di GG Cotichella
11. Che libro stai leggendo attualmente ? Le ultime uscite dei libri del Caña Team
12. Programma della televisione ? Le televendite sui canali privati.

Etichette:

Censura: indietro di 10 anni !

mercoledì 18 gennaio 2006

Sessantatre giornalisti uccisi, Iraq il paese più pericoloso e Cina quello con più reclusi. Questi sono i dati del rapporto annuale dell'organizzazione Reporters sans frontiéres ( RSF ) che indica il 2005 come un anno nero per la libertà di stampa nel mondo. Si può anche dire che in questo campo si è tornati indietro di 10 anni: quello appena terminato è stato il più sanguinoso dal 1995.

Per il terzo anno consecutivo il paese più pericoloso è l'Iraq con 24 vittime, davanti alle Filippine con sette. Mentre in Africa sono stati uccisi 5 reporter e i crimini sono rimasti impuniti.

I giornalisti attualmente detenuti nelle carceri sono 123, distribuiti in 23 paesi. Di questi 32 sono reclusi in Cina ( insieme a 62 cyberdissidenti ) e 24 a Cuba.
Più di 800 giornalisti sono stati arrestati nel corso dell'anno e 1308 hanno subito minacce. Sono stati documentati 1006 casi di censura. Infine almeno 15 paesi, tra cui spiccano Iran e Tunisia, continuano a sottoporre Internet ad uno stretto controllo.

Nonostante tutto questo, i giornalisti freelance casalesi continuano imperterriti a scrivere e a fare tendenza.

Etichette:

La guerra di Piero

lunedì 16 gennaio 2006

La nostra non vuole essere una presa di posizione sul caso Unipol, ma la consacrazione di un grande giocatore. Quando ieri pomeriggio sono entrati al Natal Palli i baldanzosi tifosi del Legnano e hanno iniziato ad insultare i tifosi casalesi, tutti hanno pensato che solo una cosa poteva farli ritornare a casa con un ricordo "molto particolare" di Casale: un gol al 90° di Panzanaro con una staffilata da fuori area...

In realtà è andata molto meglio: un gol di Panzanaro su rigore, assegnato per un fallo inesistente. Oltre al gol, il buon Piero ha sfoderato anche un prestazione sopra le righe. Purtroppo il Legnano ( dove gioca con il numero 10 l'ex Milan e Monaco, Marco Simone ) ha pareggiato praticamente con l'unica azione che ha fatto in tutta la partita. E la cronica difficoltè del Casale nel buttarla dentro ha consegnato agli annali il risultato di 1-1.

Per salvarsi, il Casale, ha bisogno di undici Panzanaro tutte le domeniche: solo con delle prestazioni come quelle del Roberto Carlos della C2, la squadra nerostellata può avere possibilità di rimanere tra i professionisti. Sperando che la società tiri fuori dal cilindro del mercato una punta che riesca a segnare qualche gol.
Per adesso ci consoliamo con le impareggiabili discese sulla sinistra, i tiri da fuori e i dribbling del nostro "idolo", gridando sempre "Forza Piero !"

"E mentre marciavi con l'anima in spalle
vedesti un uomo in fondo alla valle
che aveva il tuo stesso identico umore
ma la divisa di una altro colore"
( F. De Andrè )

Etichette:

IO CHE SONO IMPARATO: il libro della settimana

sabato 14 gennaio 2006

Un libro annunciato per la primavera, ma gli ultimi fatti di attualità hanno imposto all'editore un'uscita immediata per chiarire, approfondire, aprire una discussione...

Se il successo di "Dichiaro guerra all'equipe" ha fatto cambiare i programmi della pastorale giovanile cittadina, questo libro ( arricchito da un DVD di grande spessore ) riuscirà a far cambiare idea a chi è "piccolo" ma si sente già GRANDE e pensa ( incoscientemente ) di poter camminare con le proprie gambe ?

Un'altra prova, divertente e insieme drammatica, di uno straordinario scrittore.

Etichette:

Sugo pronto Casillo

venerdì 13 gennaio 2006

Nell'annosa disputa tra i cultori del "sugo fatto in casa" e quelli del "sugo pronto", in queste sere milioni di italiani avranno sicuramente dato ragione ai primi, tuffandosi nel loro piatto di pasta con un po' meno entusiasmo dopo aver saputo che 58.000 tonnellate di grano contaminato sono state trasformate in farina e commercializzate.
La guardia di finanza ha arrestato Francesco Casillo, amministratore delegato della Molino Casillo Francesco di Corato, in provincia di Bari: è accusato di adulterazione, contraffazione e avvelenamento di sostanze alimentari. L'inchiesta riguarda in particolare un carico di grano duro importato dal Canada, contaminato da ocratossina, una sostanza cancerogena.
In tempi di polli con "l'influenza" ( ben più noti come Unipol ), anche una pasta "già condita" crediamo che sia davvero troppo per le abitudini alimentari di noi italiani.

Etichette:

Il Maresciallo Rocca !

mercoledì 11 gennaio 2006

Non sfugge al confronto con un'eredità che l'ha paralizzato per molto tempo, quella del super-campione olimpionico e del mondo Alberto Tomba.

Ma Giorgio Rocca, 31 anni, non si è tirato indietro: senza complessi, e soprattutto con le sue differenze, ripercorre le orme dell'ex carabiniere ed ex fidanzato di Martina Colombari.

Giorgio, figlio del famoso Maresciallo Rocca, protagonista della serie-TV di Rai1, anche se non ha ancora raggiunto il record di sette vittorie consecutive del suo compatriota, è sulla buona strada. Ieri a Adelboden lo sciatore di Livigno ha vinto per la quarta volta consecutiva nello slalom. Alcuni, tra cui il famoso esperto di sci alpino Ciccio, dicono che le troppe vittorie possono fargli montare la testa, in vista delle vicine Olimpiadi invernali di Torino. Ma la scarsa fiducia degli esperti, siamo sicuri che alla fine gli porterà fortuna...

Etichette:

IO CHE SONO IMPARATO: il libro della settimana

sabato 7 gennaio 2006

Anno nuovo, collana nuova. Ecco quindi la prima uscita delle nuove edizioni dei libri del Caña Team, con libro + DVD. Nel DVD le due ragazze raccontano le loro fantastiche avventure, dalla notte del giorno di Natale fino a quella di Capodanno. Nel libro, pochi ma essenziali consigli su come rovinare un giocatore di basket alla prima stagione in Italia, nel campionato di Legadue.

Etichette:

La befana vien di notte...

giovedì 5 gennaio 2006

Se l'otto marzo è la festa "consumistica" delle donne, due mesi prima è il 6 gennaio è a tutti gli effetti la vera e propria FESTA di TUTTE LE DONNE !
Ma come diranno i nostri piccoli amici, hanno voluto la parità tra i sessi ed ora loro festeggiano due volte l'anno, mentre noi solo una. Se conoscete anche solo da lontano l'universo femminile, dovreste sapere cosa vuol dire per loro parità : che devono avere come minimo il doppio di quello che avete voi maschietti.
E così nel giorno in cui milioni di italiani sono legati all'estrazione di qualche numero per avere un futuro "economicamente" più tranquillo ( mentre le italiane pensano già alla nuova pelliccia ), molte scope ( passi per le renne che volano, ma le scope però è così ) saranno in volo per portare dolci o carbone.
L'unica speranza la riponiamo nei nostri amici Gaspare, Melchiorre e Baldassarre che in questo giorno portano al bambinello oro, incenso e la per noi sempre cara birra ! Per brindare anche all'Epifania, che tutte le feste porta via !