<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Timeout: Inverno Freddo

martedì 24 ottobre 2006

Un'inizio di inverno così freddo a Casale non se lo ricordava nessuno.
Una sola vittoria per la Junior e zero per la BJC non capitava da anni.
Entrambe possono recriminare su infortuni e sulla malasorte, ma la verità è una sola... Non hanno più voluto in squadra i giocatori migliori: Esposito e Gobbato.
Il primo l'han mandato a fare le pizze altrove, all'altro han chiesto di lasciare il Cervo per un'altra ragazza, lui si è risentito e per ripicca ha abbandonato la pallacanestro.
Per nostra fortuna possiamo ancora riporre le nostre speranze nell'immensa CB, che inizierà il suo campionato il 3 Novembre, quando per Junior e BJC sarà profondo... ma almeno si accenderà nei nostri cuori la speranza di vedere una casalese trionfare...




Coach Brovero

Etichette:

Bene vs Male

lunedì 23 ottobre 2006

Doveva essere la punta di diamante delle nostre rubriche ( un po' come Adriano nell'Inter ), ma le nostre due prime donne si fanno un po' desiderare ( o hanno bisogno di un viaggio in Brasile, come Adriano... ).
Per questo, piccoli amici del blog del Caña Team, vi chiediamo di aiutarci: vogliamo inaugurare una nuova rubrica nella quale si scontrano due grandi personaggi del nostro panorama locale. Lasciate un vostro commento a questo post proponendo degli argomenti sui quali si possano incontrare, discutere e scannare il Ricciolo e il Tombolotto.
L'argomento che verrà scelto, permetterà al suo ideatore di diventare "famoso" grazie al Caña Team e al suo blog. Non perdete questa occasione !!!

Nota di servizio

domenica 22 ottobre 2006

È con grande gioia che annunciamo la registrazione del dominio www.ilcanateam.tk !!
Non è nient'altro che un collegamento a questa pagina. A cosa serve ? Beh... a nulla !

Amarcord: il "Bibliobus"

venerdì 20 ottobre 2006

La fotografia che abbiamo tirato fuori dai nostri polverosi archivi, oltre a riportarci a momenti gioiosi della nostra giovinezza ( è infatti datata "Agosto 1997" ), riaccende in noi antiche emozioni.
Non tanto per i cinque soggetti che vedete sorridenti, ma per il vero protagonista di questa immagine ( nonché della nostra trasferta parigina di quell’anno ). Stiamo parlando del famoso quanto infernale "Bibliobus", parcheggiato fuori dalla nostra modesta residenza, e mai visto in azione.
La leggenda, narra che nei sui confortevoli locali Guasco ( in piedi a sinistra ) abbia letto l'unico libro di tutta la sua vita e che – a metà degli anni '80 – sia stato il vincitore di una sfida di velocita, costeggiando la Senna, con una Printz piena di quaglie.
Nessuno lo sa per certo, ma sembra che il mezzo sia dotato di 10 piani sotterranei; nel retro ( si dice ) si trovano le scale che portano ai piani inferiori: una sorta di passaggio dimensionale.

Dopo la Tour Eiffel e il museo del Louvre, il "Bibliobus" è la terza "attrazione" di Parigi.

Etichette: ,

Meteore: Il "Nasello" cucador

mercoledì 18 ottobre 2006

Nasello nasce nell'anno di grazia 1974 a Venaria provincia di Torino, distinguendosi fin da subito come scolaro modello: dopo la maturità inizia l'universtità a Torino.
Nel panorama del firmamento casalese entra in punta di piedi nell'aprile duemila ( quando a Casale impazzava la focolarini-mania alimentata da tutti i vertici diocesani ) salvo poi esplodere come una supernova nella torrida e bollente estate dello stesso anno.
Durante la Mariapoli ( tre giorni di vacanza e amicizia per tutti gli aderenti e simpatizzanti del movimento ) a La Thuille nella primavera avviene per qualcuno di noi ( diciamo il più grosso di noi ) il primo contatto con la "leggenda naselliana", favorito dal grande clima di "volemose bbene".
Come tradizione per il nostro Tombolotto è stata una timida conoscenza, oltre che sua di tanta altre persone, ma il magico clima che si respirava in quei giorni non gli aveva fatto intuire che lo scambio dei numeri di cellulare stava inniescando una miccia: destinata a esplodere il 9 agosto 2000 ( certe date non si scordano mai ).
Infatti, in quel giorno, una pattuglia di giovani eroi era partita alla volta di Spotorno per una giornata di relax prima dei faticosi "dieci giorni che sconvolsero il mondo" ( accoglienza + GMG a Roma ). In quel mentre, durante un mezzo nubifragio, arriva la telefonata che cambiò il corso degli eventi: "Pronto ciao sono io".
Per farla breve il prode Nasello telefonava al nostro "grosso" uomo ( a tre giorni dalla partenza per Roma ) per chiedergli se c'era ancora posto sul treno organizzato dalla Diocesi di Casale ( insieme ad altre Diocesi piemontesi ), in quanto nè con la Diocesi di Torino nè coi focolarini c'era ancora posto. Capimmo dopo che la cosa non era casuale.....
Certo di fare la sua buona azione quotidiana, il re della fotografia subaquea diede a Nasello il numero di "Giovani 2000", pensando che ormai non ci sarebbe stato più posto con la comitiva casalese. Ma come si sa, la storia è sempre imprevedibile: la sera dopo se lo ritrovò nel cortile del seminario dove ( come ogni timida amicizia comporta ) gli confidò che era riuscito a trovare posto grazie alla rinuncia di due persone.
Da lì nacque la leggenda di un timido e sconosciuto operaio ventiseienne torinese che nel tempo record di 7 giorni riscì a farsi conoscere e riconoscere da tutti, ma sopratutto riuscì a stabilire il record europeo di numeri telefonici chiesti e quello mondiale di "due di picche" ricevuti.
Mitica l'impresa al ritorno: fece tutte 15 le carrozze del treno speciale con un block notes a caccia di numeri, impresa che oggi non riuscirebbe a un Ciuchino qualunque o, in passato, ad un Cristin P. d'annata.
Dopo quelle olimpiadi del cuccaggio ricomparve come la "Cometa di Halley" in determinate occasioni ( vedi l'autocelebrazione per il complaenno di Viancio nell'ottobre 2000 ), quando dopo una serie impressionante di SMS riusciva a farsi invitare a Casale dalla Silviona o dalla Chiara.
Dal 2002 circa non si hanno più notizie certe tranne un lieve incidente d'auto in cui ad avere la peggio fu il suo setto nasale sbriciolatosi con un diretto al volto partito dall'automobilista che viaggiava nella corsia opposta alla sua.

Chi avesse notizie su di lui lo segnali alla redazione del nostro blog alla rubrica "Meteore".
In allegato la copertina del suo libro, che ha scritto con il nome d'arte di Arthur.


Gli ultimi saranno i primi, ma lo sportello chiude alle 12 ( Corrado Guzzanti )

Etichette:

Nota di servizio: Torneo Pro Evolution Soccer 5

lunedì 16 ottobre 2006

Sono aperte le iscrizioni al Torneo di Pro Evolution Soccer 5 alla PlayStation 2, presso il locale XL di Casale Monferrato.
Si giocherà uno contro uno, utilizzando solo le squadre nazionali.
La formula è a 32 squadre e si utilizza la seguente formula:
  • 8 gironi da 4 squadre, girone all'italiana semplice ( ovvero si affrontano gli appartenenti al girone una sola volta );
  • Ottavi, Quarti e Semifinali, andata e ritorno con differenza reti dei goal fatti in casa o fuori casa;
  • Finalissima e Finale 3° e 4° posto senza andata/ritorno;

Si gioca la sera durante la settimana; si sceglieranno alcuni giorni nei quali giocare e ci si può accordare con gli avversari per il giorno della disputa.

Se siete interessati, l'iscrizione ha luogo presso l'XL, chiedere alla cassa. Il costo è di € 10.

Il Caña Team parteciperà alla manifestazione.

La pizza di Giotto

Non è stato il nostro grande ( più che grande, grosso... ) amico Tombolotto a sfornare questo capolavoro. Di sicuro non è stato neanche Giotto, anche se questa pizza ( o quel che ne rimane ) sfiora la perfezione. Luogo protagonista dell'opera, l'immancabile Pizzeria Apollo.
Può rimanere ignoto l’autore di questa opera di arte contemporanea ? No, per questo che chiediamo a voi – piccoli e cari lettori del nostro blog – di aiutarci per trovare l’artefice di questa colossale creazione. Almeno per offrirgli una pizza... che dovrà mangiare tutta ( crosta inclusa... ! ).

Etichette:

Amarcord: Genova per noi

venerdì 13 ottobre 2006

Non è un fotomontaggio! La foto che vedete è stata scattata a Genova ad una settimana dal G8 del 2001, e precisamente il 14 luglio 2001. Avrete sicuramente riconosciuto al centro della foto, in completo grigio, il leader italiano del movimento no-global Vittorio Agnoletto. Gli altri quattro figuri sono - da sinistra a destra - in alto Pablo ( ancora celibe ) e Ciuchino ( ancora con i capelli ) e in basso il Ricciolo ( ancora operaio ) e Ciccio ( l'unico ad avere mantenuto gli stessi obbiettivi di allora... ) Una foto che ha fatto storia...

Etichette:

Chi garantisce la libertà di stampa ?

martedì 10 ottobre 2006

"Anna Politkovskaja, uccisa sabato nella sua casa nel centro di Mosca, quasi sicuramente da un sicario, non era solo una giornalista famosa. Era anche una figura simbolica, l'incarnazione di tutto ciò che fa amare e contemporaneamente odiare i giornalisti. Anna Politkovskaja pensava di avere una missione: raccontare la verità su quello che succede in Cecenia. Ma oggi in Russia per i giornalisti non esiste né l'immunità fisica né quella psicologica, perché lo stato non ha rispetto per la libertà di stampa e la libertà di espressione. Tutto nasce da qui. E per questo la responsabilità è delle autorità."

Abbiamo voluto usare le parole del "
The Moscow Times" di oggi per commemorare la figura della giornalista russa uccisa sabato scorso. Lei voleva raccontare la verità. Noi vogliamo che ci raccontino la verità sulla sua morte.

Etichette: ,

Amarcord: anno 2000

domenica 8 ottobre 2006

Al momento di scattare questa foto, a Roma nell’agosto del 2000, nessuno si sarebbe mai aspettato che questi due giovini sarebbero diventati due personaggi di spicco nel panorama monferrino: uno monsignore ( nonchè parroco dell'Archivolto ) e l’altro assessore. Anche se, per dovere di cronaca, dobbiamo dire che già le loro vocazioni erano già sbocciate. Se nessuno dimentica le benedizioni “ecumeniche” di mons. Tançen, solo in pochi hanno potuto apprezzare - girando con scala e striscioni per Casale - le rassicurazioni di assessor Ciccio alle nostre domande: «Ma questo lo possiamo fare ?». «Non preoccupatevi, ci penso io», era la sua risposta.
Da lì abbiamo capito quale era la sua strada.
Da lì abbiamo capito quale era la nostra fine.

Etichette:

Va ora in onda il reality flop

venerdì 6 ottobre 2006

Inizio d’anno movimentato per i palinsesti televisivi, soprattutto per quanto riguarda i reality show. Per battere la concorrenza, Mediaset ha deciso di anticipare di tre settimane rispetto al solito la messa in onda di alcuni nuovi programmi scatenando ovviamente la pronta reazione di mamma Rai. E nel corso del mese di settembre ci sono state già diverse vittime illustri di cancellazioni, spostamenti, ridimensionamenti...

La prima a farne le spese è stata Maria De Filippi con il suo Unan1mous che praticamente non ha lasciato alcun segno nella storia televisiva italiana; poi, praticamente a raffica, sono cominciati ben quattro reality ancora in onda ma non senza problemi.
Regge L’Isola dei Famosi ( condotto da Simona Ventura ) rispetto agli ascolti strepitosi degli scorsi anni, ma probabilmente a Raidue si aspettavano di più; Wild West ( condotto da Alba Parietti ) ha visto dimezzarsi gli ascolti passando dalla domenica ( 14,47% di share ) al lunedì ( 7,81% di share ) ma qui è rimasto; anche Reality Circus ( condotto da Barbara D’Urso ) ha subito variazioni di programmazione, ma soprattutto ha visto cancellata la striscia quotidiana. Chi invece continua a stupire è La pupa e il secchione ( condotto da Federica Panicucci e Enrico Papi ) che sembra comunque interessare il pubblico forse più per la “stravaganza” dei partecipanti che per la formula in sé.
L’effetto Grande Fratello sembra quindi venir meno e ormai non importa neanche più se siano Vip o perfetti sconosciuti i protagonisti tallonati dalle telecamere.

Colpa dei format, delle sceneggiature o del ritmo del programma ?

Forse la risposta più semplice è che l’abbuffata ha causato l’indigestione...
E c’è chi fa una proposta, il Codacons: «Per ogni rete, un tetto massimo di ore settimanali dedicate ai reality».
Se i risultati di settembre si confermeranno, saranno le stesse reti ad autolimitarsi; un altro reality flop costerebbe troppo...

Etichette:

Timeout: Parola al Coach

giovedì 5 ottobre 2006

Dopo un'estate passata a raccontarvi le nostre vacanze, si apre una nuova stagione con nuove rubriche, nuovi protagonisti e nuovi scoop sul nostro blog.

La novità più grande è la collaborazione con Mr. Basket, il Dan Peterson del Monferrato, l'uomo senza menisco ma dalla mano calda: coach Maurizio Brovero.

Lo abbiamo convinto a commentare il "basket che conta" IN ESCLUSIVA per il blog del Caña Team. Naturalmente, per noi il basket che conta parte dall'Eurolega e finisce ai lunedì sera in palestra.
Abbiamo intervistato il coach qualche giorno fa. Ancora scosso dalla giornata di lavoro, ci ha rivelato che per Eurolega, Serie A e Lega2 il suo pronostico è nell'ordine CSKA Mosca, Olimpia Milano e Scavolini Pesaro. Per le squadre di Casale ( Junior e Casale Basket ) vede un campionato di metà classifica, ognuna nei rispettivi campionati, addirittura concedendo al suo "collega" Crespi il lusso di mangiare il panettone.
Infine, da vero allenatore, ci ha svelato che il più forte giocatore che ha allenato è stato Mirco Bottero, che nella sua squadra vorrebbe Tiras Wade ma non Vincenzo Esposito e se mai un giorno tornasse a calcare il parquet non vorrebbe più avere nel roster il buon Andrea Gobbato: "più simpatico che bravo a giocare"... facendo intendere la poca dimestichezza dell'ex fidanzato del Cervo con la pallacanestro. Chissà cosa penserà di Bolognesi ?
Lo sapremo nel prossimo "Timeout" che chiamerà il coach.

Etichette:

Stranezze della palla a spicchi

mercoledì 4 ottobre 2006

Non capita a tutti ( anzi questa volta sono pochi, pochissimi ! ) di avere a che fare in soli due giorni con due icone del basket nostrano: il vero «Poz» ed il falso «Puma».
La «Mosca Atonomica», vero e proprio genio e sregolatezza della pallacanestro italiana, è stata l'unica nota lieta della domenica al palazzetto; Gianmarco Pozzecco ( o Gianmario secondo lo speaker ) ha assistito alla bruttisssima figura fatta dalla Junior contro Imola e senza dubbi si è guadagnato molti più applausi dei fischi diretti ai rossoblù casalesi.
Il secondo è stato protagonista della tradizionale sgambata del lunedì sera, per l'ultima volta dedicata al basket; Pablo ha sofferto non poco sotto le plance ( là dove di solito regna incontrastato ) ma alla fine ha contribuito alla vittoria della sua squadra.
Non sappiamo che ne pensiate, ma se non sono stranezze queste...

Etichette: ,

Cose strane dal mondo

martedì 3 ottobre 2006

Eravamo abituati a notare, all’ingresso delle chiese, i cartelli che invitavano al silenzio e al rispetto del luogo entrando vestiti in modo consono. Ultimamente sono anche comparsi gli avvisi che ricordavano ai fedeli di spegnere i cellulari. Ma a cartelli tipo quello che abbiamo trovato all’ingresso della chiesa di Villabella ( AL ), proprio non eravamo abituati...

A questo punto, sorge spontanea una domanda: ma che abitudini hanno i parrocchiani ?

Etichette: