<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Tu chiamale se vuoi emozioni... mondiali

domenica 9 luglio 2006


Al termine della vittoriosa partita Italia ed Ucraina, tra lo stupore generale dei presenti, Claudio "Ciuchino" disse: «Quest'anno il Mondiale lo vinciamo noi !». E tutti a fare gli scongiuri.
Sconvolta dall'ennesimo scandalo calcistico, l'Italia è finita nel pallone curiosa delle intercettazioni, divisa nelle condanne processuali, letteralmente travolta da un entusiasmo contagioso.
Con tante speranze e poche certezze la Nazionale di Lippi si è affacciata alla competizione mondiale con l'intento di non sfigurare e soprattutto la voglia di ridare un'immagine al nostro calcio. Ogni partita ha avuto i suoi eroi, è questa è stata forse la vera forza degli azzurri. Non uno solo, ma il gruppo.
Per chi, come noi, nell'82 era troppo piccolo per festeggiare è finalmente arrivata l'occasione; nel '94 furono i rigori sbagliati da Baresi, Massaro e Baggio a condannarci contro il Brasile di un giovanissimo Ronaldo; nel 2000 furono il gol di Wiltord allo scadere e il golden gol di Trezeguet a far rimare strozzato in gola il grido d'esultanza per un Europeo ormai vinto.

Questa volta no. Grazie al pareggio di Materazzi, grazie agli operai Cannavaro, Gattuso e Zambrotta, ma anche al lavoro di tutta la squadra, la quarta stellina è arrivata.

A Marco Civoli è riuscito alla prima occasione quello che mai Bruno Pizzul è riuscito fare; gridare al microfono: «Campioni, campioni, campioni, campioni !».
Come ventiquattro anni fa il pallone si è rialzato dalla polvere e un paese intero ha potuto esultare mostrando orgoglioso il tricolore. Abbracci, urla, lacrime, caroselli, bagni nelle fontane, fuochi d'artificio; ognuno festeggia a suo modo.
Capire tu non puoi, tu chiamale se vuoi emozioni...

Etichette: ,

Spillato dal Caña Team alle 23:46 -

0 boccali pieni:

Riempi un boccale !