<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

A lezione di elezioni

lunedì 20 novembre 2006

Non è un gioco di parole e neppure un nuovo scioglilingua. È quello che sta accadendo in Bhutan, minuscolo e immobile regno nel cuore dell'Himalaya, schiacciato dalla Cina a nord e dall'India a sud.
Qui da cent'anni governa un re e dunque nemmeno i cittadini più vecchi hanno mai visto una scheda elettorale o un’urna. Ma è alle porte una grossa "rivoluzione". Jigma Singye Wangchuck, l'attuale re, ha deciso che nel 2008 si voterà per eleggere un Parlamento e ha stabilito che saranno elezioni in due puntate: al primo turno si potranno presentare tutti i partiti e i candidati che ne sentissero il desiderio. Per il secondo, resteranno in gara solo i due partiti con più voti.
Vuole però che si arrivi preparati all’appuntamento con schede e candidati: così migliaia di funzionari statali sono tornati a scuola per imparare come si dividono le città in Collegi elettorali, dove si mettono le «X» per le preferenze, come funzionano gli scrutini... E non basta. Malati di perfezionismo, i bhutanesi vogliono anche fare una prova generale. Tra circa un anno ci saranno elezioni simulate ( e se i cittadini si dimostreranno preparati, poi si farà sul serio nel 2008 ) e tutti, finti scrutatori e finti votanti, finti candidati e finti partiti, dovranno partecipare.
Chissà se i bhutanesi ( ndr: dai non ridete... è il loro nome ) si inventeranno anche un finto Bruno Vespa per conoscere i finti exit-poll ?

Etichette:

Spillato dal Caña Team alle 11:16 -

1 boccali pieni:

Secondo me però l'agenzia Nexus con l'imitatore di Fabrizio Fontana andranno là davvero a dare i risultati definitivi come alle ultime politiche

Riempi un boccale !