<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Martina Dogana, la "vasca", i Krumiri.

lunedì 23 novembre 2009

Riceviamo da Enzo Conti (grande fotografo e amico del Caña Team) e siamo molto felici di poter pubblicare alcune immagini e alcune note sulla visita di Martina Dogana, testimonial di «Una Vasca lunga un giorno» e grande estimatrice dei Krumiri, che ha approfittato della sua prima visita in città per andare a curiosare fra i segreti della storica pasticceria di via Lanza.
Nella sua mail, Enzo ci ha fatto appassionare (e speriamo che sia lo stesso per voi) a questa bella storia "di colore" il cui senso è:
a) sport (triathlon, ironman), resistenza, obiettivo il limite estremo, e... gola (che fa piegare, appunto, come un Krumiro);
b) una città prima conosciuta solo attraverso le scatole di latta rossa, che si visita innanzitutto per solidarietà e per amicizia, ma anche....


PREMESSA:
Martina Dogana (Valdagno, 10 aprile 1979) risiede a Valdagno in provincia di Vicenza, città nota per le Industrie Tessili Marzotto e confinante con Recoaro Terme. Qui potete leggere il suo palmarès.
Sabato a Casale per la prima volta, conosce ed apprezza i Krumiri da circa un anno. Li riceve in dono dai supporters monferrini dopo le gare e già in precedenza li aveva ordinati a distanza. I Krumiri Rossi erano presenti alla grande festa che Valdagno le ha dedicato lo scorso 24 ottobre, il giorno precedente la Maratona di Venezia, per salutare il suo ritorno dopo la prestazione alle Hawaii per Ironman World Championship.
Dopo il pranzo alla monferrina (con tartufo, da Caffè Roma - Rata Birata), verso le 16,30 non poteva mancare l'occasione per visitare il negozio e il laboratorio di Portinaro.

KRUMIRI ROSSI:
Già ai portici di via Roma, in corrispondenza con via Trevigi, la prima constatazione: «Ci stiamo avvicinando, li sento...».
Consegnato il cellulare al suo fidanzato, controllava le vetrine perché voleva assolutamente farsi scattare una fotografia davanti al negozio dei Krumiri, da mostrare alla mamma. Dai portici non dista molto, è vero, ma non immaginava che il profumo dei Krumiri Rossi potesse arrivare così lontano. Poteva sempre essere lì a due passi...
All'interno, l'attenzione va subito alla fotografia che ritrae Bono Vox, voce degli U2, di cui è fan accanita. «Uno scatto lo voglio anche qui vicino, vedere questa foto è incredibile...».
Segue la bacheca che espone le scatole di Krumiri dei tempi passati, dove sono in mostra anche i più piccoli formati da assaggio: «Queste confezioni in minuatura sarebbero davvero ideali per le gare, da portare in bici. Io riempirei addirittura la borraccia!»
Fra la folla di clienti delle 17, l'avv. Molghea avanza una proposta: assaggiare i Krumiri ancora caldi da forno, "pescati" dal caratteristico cassettone dei Krumiri sfusi dietro al banco. Martina ha osservato con interesse la moltitudine di frollini dorati là contenuta: «Buonissimi».
Poi una confidenza alla signora Portinaro: «Sono squisiti, complimenti. Hanno un difetto soltanto: evaporano! Quando apro una scatola, spariscono in men che non si dica, non ho neppure il tempo di accorgermene». Per peccati di gola o perché "accerchiata" dai familiari? «Beh, entrambe le cose!»
La mamma o il fidanzato glieli devono nascondere una settimana prima delle gare, ma lei ammette: «Preferisco allenarmi tutti i giorni un'ora in più... ma non toglietemi i dolci, sono la mia vita!»
Attraverso le belle fotografie appese in fondo al negozio, la signora Portinaro ha illustrato le varie fasi di preparazione dei Krumiri Rossi, la curvatura manuale, fino al confezionamento. «Avevo già letto con attenzione la storia e le informazioni all'interno delle scatole, ma non potevo lontanamente immaginare nemmeno la metà di quanto abbia visto oggi». Ha infine ammirato le numerose fotografie che ritraggono personaggi del mondo dello sport, su tutte quella di Danilo Gallinari (basket Nba).
Uscita con un borsone-dono ricolmo di Krumiri, armeggia un attimo col cellulare. Mezz'ora più tardi, a stretto giro di sms arriva un monito dalla mamma: «Non strafogarti». Ma lei lo legge a voce alta e, facendo spallucce, commenta: «Sarà invidia!»

INFO SUPPLEMENTARI
E' occasionalmente ospite di Radio Deejay durante "Deejay chiama Italia", condotta da Linus e Nicola Savino, nelle puntate del venerdì cui si aggiunge Aldo Rock.
La rivista Fantatriathlon le ha dedicato la foto di copertina del numero di gennaio scorso (ha partecipato al pranzo alla monferrina anche il direttore Dario Nardone, ma niente Krumiri causa impegni).

Etichette: , , , ,

Spillato dal Caña Team alle 16:05 -

1 boccali pieni:

i krumiri sono sempre i krumiri.. cosa ti sei perso daddo!!!!
    detto da Anonymous Anonimo - sabato 12 dicembre 2009 23:30:00 CET  

Riempi un boccale !