<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Un caffè a... Bianzè

martedì 12 maggio 2009

Secondo appuntamento con la nostra rubrica di convivialità.
Si parte senza un meta precisa. Attraversiamo, nell'ordine, Trino, Tricerro, Ronsecco
Oltrepassato quest'ultimo, dediciamo di uscire dalla stada principale e prendere direzione Bianzè. A questo punto ci ritroviamo persi nella campagna vercellese. Anzi, sarebbe più corretto definirlo "nulla" vercellese.
La stradina sulla quale viaggiamo è talmente stretta che permette il passaggio di una sola autovettura e a tratti è circondata da due fossi molto profondi e pericolosi. Se in lontananza si intravede un'auto bisogna accostare nella prima piazzola di sosta, attendere il passaggio del veicolo e poi riprendere la marcia.
A testimonianza di quanto scritto, eccovi un piccolo contributo filmato:


Dopo questo viaggio della speranza, finalmente giungiamo a Bianzè ! Contrariamente alle premesse, Bianzè non è affatto un paese dimenticato dall'Onnipotente. Presenta ben 4 bar, un oratorio con salone annesso e la stazione.
Il borgo ha origini romane. Nacque come colonia romana adibita alla coltivazione delle terre. Ha come simbolo un'aquila, significa che bisogna sempre volare in alto. 
Iniziamo il nostro omaggio dal primo bar incontrato dopo il parcheggio. Siamo colpiti da una vignetta disegnata sulla vetrina: la maschera di Gianduja, ebbra, che dice "Sono intallonato, è da stamattina che tazzo"... Un po' perplessi ordiniamo un caffè.
Fatti due passi per il paese ci imbattiamo nel salone dell'oratorio con relativa festa, chiesa (Foto 1), ruderi dell'antico ospedale ( Foto 2 ), antico lavatoio ( Foto 3 ), stazione con relativa immagine mossa ( Foto 4 ) e cartello con caratteri ricavati mediante grattatura ( Foto 5 ).
Concludiamo nel secondo bar ( Foto 6 ) con un buon Amaro Montenegro, l'amaro ufficiale del Caña Team. 
La strada del ritorno è molto più agevole, si utilizza la Strada Statale 31 bis (Casale - Torino). Peccato, ormai ci eravamo affezionati alla nostra mulattiera.

Etichette:

Spillato dal Caña Team alle 17:08 -

1 boccali pieni:

siamo andati una domenica di carnevale.....se questi sono i tempi di pubblicazione.....

Riempi un boccale !