<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Meno cinque ( cerchi )

domenica 3 agosto 2008

Olimpiadi dei diritti umani, Olimpiadi della censura, Olimpiadi della scaramanzia… Quelle di Pechino 2008 ( le terze asiatiche dopo Tokyo 1964 e Seul 1988 ) sono state al centro della polemica fin dal giorno dell'assegnazione della XXIX edizione dei Giochi Olimpici ( il 13 luglio 2001, battendo la concorrenza di Toronto, Parigi, Istanbul ed Osaka ) per la questione dei diritti umani e delle libertà fondamentali che hanno accompagnato l'attesa delle competizioni occupando le prime pagine di giornali soprattutto per la situazione del Tibet.
Il comitato organizzatore cinese, però, vuole passare alla storia per aver dato vita ad un evento prestigioso e memorabile: per questo, il costo iniziale previsto per l'organizzazione e le infrastrutture, preventivato in 1,6 miliardi di dollari pare sia stato "ritoccato", e non di poco, con nuovi stanziamenti che sfiorano i 37 miliardi di dollari.
Il logo delle Olimpiadi di Pechino è ufficialmente denominato Dancing Beijing: si tratta di un sigillo rosso su cui campeggia l'ideogramma della parola jing ( che significa "capitale" ) in bianco. L'ideogramma è stilizzato in modo da ricordare nella forma un danzatore o un atleta, con le braccia aperte a simboleggiare la Cina che invita il mondo a conoscere e a condividere la sua cultura. Secondo il CIO, è la prima volta che il rosso viene usato come colore dominante in un logo olimpico. D'altra parte, il rosso è un colore molto importante per la cultura cinese, non solo perché nel loro simbolismo è il colore della buona sorte, ed è utilizzato per decorazioni e addobbi nuziali…
Le cinque mascotte ufficiali di Pechino 2008, chiamate Fuwa, sono bambole della fortuna ( questo il significato letterario del loro nome ) . Ciascuna di esse ha come colore caratterizzante uno dei cinque colori dei cerchi olimpici e può essere associata a un elemento e ad un animale della cultura cinese. I loro nomi sono Beibei ( azzurro, acqua, pesce ), Jinjing ( nero, metallo, panda ), Huanhuan ( rosso, fiamma olimpica, fuoco ), Yingying ( giallo, antilope tibetana, terra ) e Nini ( verde, rondine, legno ). Le sillabe dei loro nomi unite formano la frase Běijīng huānyíng nǐ, ovvero «Benvenuti a Pechino».
Lo slogan coniato per i Giochi Olimpici di Pechino è One World, One Dream, e vuole invitare a unirsi allo spirito olimpico e costruire un futuro migliore per l'umanità.
Per i Giochi, il comitato organizzatore ha stimato la necessità di circa 11000 voltontari che sono stati formati e preparati apposta per l’evento.
Sono state studiate anche imponenti misure di sicurezza per prevenire qualunque tipo di problema: 80 cani poliziotto per controllare il sistema metropolitano e annusare la presenza di prodotti infiammabili, un centro speciale per monitorare la sicurezza dei prodotti alimentari. A quasi tutti i poliziotti, di ogni grado ed anzianità, sono impartite lezioni di lingue estere e di educazione. Un quaderno con frasi in sette lingue ( inglese, francese, russo, tedesco, giapponese, coreano ed arabo ) è stato distruibuito a tutti i poliziotti ed ai volontari.
Inoltre, temendo un attacco terroristico proprio nei giorni in cui si svolgeranno i giochi, il Governo Cinese ha deciso di schierare attorno allo stadio olimpico delle batterie di missili terra-aria; decisione questa che ha creato polemiche per il crescente senso di militarizzazione che inevitabilmente accompagnerà lo svolgimento dei giochi.
Uno dei problemi che attanagliano la città di Pechino è l'inquinamento atmosferico, tale da mettere a rischio la disputa di gare su lunga distanza. Il maltempo potrebbe essere un buon alleato degli atleti.
A conferma della conosciuta scaramanzia cinese, il via alla manifestazione verrà dato alle 08:08 del 08/08/08; 34 gli sport in programma, più di 300 eventi fino al 27 agosto. Per la prima volta sarà presente la nuova disciplina ciclistica della BMX e le donne competeranno nei 3000 siepi. Inoltre sarà aggiunta alle discipline di nuoto la maratona di nuoto per uomini e donne di 10 km.
Quando, nella cerimonia di apertura, lo speaker annuncerà « Yidalì » ( si pronuncia « italì » ) entreranno in pista i 347 ( 215 uomini e 132 donne ) atleti azzurri guidati dal portabandiera Antonio Rossi; saranno la 191ª delegazione a sfilare. Dopo, ce ne saranno solo altre 14. Mai successo che gli azzurri partissero così dietro… Speriamo di ritrovarli molto più avanti nel medagliere finale…

Etichette: ,

Spillato dal Caña Team alle 13:08 -

0 boccali pieni:

Riempi un boccale !