<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

La "Vasca" oltre ai numeri

martedì 9 ottobre 2007

Non possono essere solo i numeri a testimoniare la riuscita ed il forte spirito di unità della città di Casale Monferrato e dei paesi limitrofi che venerdì e sabato scorsi si sono stretti attorno ai 55 atleti dell'Associazione Sportiva Casalese Disabili SILVANA BAJ. Non possono essere solo i "grandi nomi" dello sport a dare un senso alla seconda edizione di "Una vasca lunga un giorno". Non possono essere solo 24 ore ( anche se di nuoto ) a poter cambiare il mondo.
Dietro alla seconda edizione di "Una vasca lunga un giorno" organizzata splendidamente dai volontari del "Silvana Baj" al Centro Alcarotti di Casale Monferrato c’è molto di più.

Ci sono i sorrisi dei 1215 partecipanti ( quasi 400 in più del 2006 ) che hanno percorso 370 chilometri a nuoto ( in attesa del calcolo dei 500 studenti delle scuole di tutto il Piemonte ). Ci sono le parole di Chiara Boggiatto ( atleta della La Presse Torino, in corsa per un posto alle Olimpiadi di Pechino ) che assieme a Gianluca Pessotto ( team manager della Juventus ) e a Donte Mathis e Marco Tagliabue della Fastweb Casale hanno messo la propria faccia per far conoscere la manifestazione: "Encomiabili: persone che nonostante le loro difficoltà hanno una marcia in più, esempi di come la forza di volontà possa vincere qualsiasi ostacolo. Il nuoto è uno sport alla portata di tutti che accomuna e avvicina, in quanto in acqua tutti riescono a muoversi."
Ci sono i 53 chilometri dello specialista delle lunghe distanze in acqua, Mauro Giaconia che ha migliorato proprio nelle giornate del 5 e 6 ottobre il suo record personale di 51 chilometri incoraggiato dalla moglie e dal neo-ingegnere Berto che per gran parte delle 24 ore gli ha contato le vasche. E ci sono infine i 112 "contavasche" preziosi volontari che hanno seguito, quasi come dei figli, tutti quelli che sono scesi in acqua contraddistinti dal numero impresso sulla cuffia.
Nelle prime ore del sabato, e precisamente alle 3, è scoccata l’ora del "Caña Swimming Team" ( potete ammirarne il simbolo nella prima foto ). Molti amici del Caña Team si sono voluti unire a noi e come al solito li ringraziamo della loro disponibilità.

Mentre calano le luci sulla seconda edizione della "Vasca", il presidente del "Silvana Baj" Franco Osenga guarda già con fiducia alla terza edizione della rassegna: "L'attenzione verso gli altri cambia solo con il confronto diretto e non ci poteva essere niente di meglio che misurarsi in piscina con chi affronta la vita con una serie di difficoltà. In questi 14 anni di attività abbiamo imparato a metterci sempre in gioco per condividere con gli altri le nostre problematiche e le cose stanno poco alla volta cambiando. E vedere la grande risposta della città con affluenza continua in vasca anche nelle ore notturne ti fa pensare di essere sulla strada giusta."

La strada giusta è vivere la propria vita "con il cuore oltre il traguardo..." come recitava lo slogan di questa 24 ore di nuoto. Perché tanta gente si è "messa in gioco" ? Cosa ha spinto le persone a nuotare per tutta la notte ? Perché tanti gruppi organizzati e non si sono presentati in piscina ? Perché tanti volontari ( segreteria, bordovasca, blog, ... ) hanno dato il meglio di loro stessi per far riuscire tutto alla perfezione ?
Noi una risposta abbiamo cercato di darla, ci farebbe molto piacere che anche voi ci facciate sapere come la pensate.

Etichette: ,

Spillato dal Caña Team alle 09:59 -

1 boccali pieni:

GRAZIE ragazzi del Caña Team...
grazie per aver contribuito alla buona riuscita della manifestazione, per aver nuotato e per "esserci stati"!

A.S.C.D. Silvana Baj

Riempi un boccale !