<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Il prossimo sarà lui...

lunedì 18 giugno 2007

A margine dell'ordinazione presbiterale del nostro "fratello" don Georges ( - foto a sinistra - preveniente dalla Diocesi di Kpalimè in Togo ), molto spesso "ospite d’onore" dei Pranzi Sociali, avvenuta sabato scorso, 16 giugno, nel Duomo di Casale Monferrato, una terribile – ma purtroppo realistica – notizia prendeva corpo tra i "fedeli laici" convenuti in Cattedrale per l’occasione.
"Il prossimo sarà lui..." indicando un sorridente "turibolaio magico", che con aria bonaria guida da ormai molti anni le processione di ingresso ( e di uscita ) delle più importanti Celebrazioni Eucaristiche della nostra Diocesi.
E mentre don Georges ringraziava i presenti ( tra cui la mamma ), tra i convenuti all'ordinazione si iniziava a preparare il conto alla rovescia all'ordinazione del Tombolotto, che dovrebbe essere di due anni ( anche se lui promette solo un anno e mezzo ).
Non più tardi di una settimana fa, con i suoi modi riservati ci ha confessato quello che gli passa per la testa in questo momento: "Certo è che io all'idea ( quale ? ) tremo già perché da adesso in poi diventa tipo roulette russa – queste le sue parole – ogni posto che si libera potrebbe essere mio". I "posti che si liberano" sono le Parrocchie, e noi sappiamo bene che lui aspira ad un ruolo importante nello "scacchiere" della Diocesi ( non nascondiamo il fatto che abbia più volte rivendicato il ruolo di responsabile della pastorale giovanile: "tanto se lo fa quello lì...", ci dice spesso... ).
L'unica sua preoccupazione è non finire in Val Cerrina: "Se nell'ipotesi remota ( e sto tenendo la mano sinistra tipo giocatore in barriera ) che andassi a Gabiano mi farete la festa d’addio ?", queste le sue parole, a cui non – adesso – non sappiamo dare alcuna risposta.

Etichette: ,

Spillato dal Caña Team alle 10:59 -

0 boccali pieni:

Riempi un boccale !