<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Meteore: Edo

mercoledì 28 marzo 2007

La meteora che vi presentiamo oggi è Edo, altresì detto Tempe o Edo Van der Meyde.

Il racconto inizia anche qui nelle assolate steppe romane, anno del Signore 2000, Giornata Mondiale della Gioventù.
Il racconto inizia sopratutto con una delle imprese più eroiche che si ricordino: Casale-Asti in 20 minuti con una Fiat Uno, che subito dopo ha esalato l'ultimo respiro, per andare insieme alla segreteria della Pastorale Giovanile diocesana a mettere i nomi negli scompartimenti del treno che ci rovesciò su Roma ( in senso figurato, s'intende ).


Il viaggio lo vedrà protagonista per tanti piccoli gesti eroici e sopratutto per aver guidato un manipolo di eroi nell'epica "caccia alle polacche".

Ben altri fatti permisero alla nostra memoria di ricordarne la figura.

Prima della partenza per Roma, la nostra diocesi di Casale Monferrato ospitò giovani serbi e polacchi.
All'accoglienza dei gruppi, il comandante in capo del vicariato di Occimiano si presentò con un malloppo di fogli dello spessore della Divina Commedia, che rappresentavano il programma dei tre giorni di permanenza dei simpatici amici stranieri ( probabilmente era calcolato al minuto ). Ma il colpo di scena era dietro l'angolo: non appena cominciarono le presentazioni, le sventolone di oltrecortina ammiccarono al supereroe giarolese esprimendo la volontà di passare la giornata successiva al mare.
Vista l'avvenenza e canticchiando già all'eventuale motto da spiaggia "tutti al mare tutti al mare a.........." il Tempe nazionale gettò all'aria i programmi di mesi e mesi di lavoro e pregustò il panorama dell'indomani ( non parliamo del mare ). Nella foga organizzativa si dimenticò di rammentare alle fanciulle che il sole preso senza protezioni non è salutare.

Dopo la giornata mondiale, il buon Edo entrò a far parte dell'Operazione Mato Grosso, dedicando seriamente la sua vita all'impegno verso i poveri e i bisognosi. Partì nel 2002 per il Perù dove fece una bella esperienza di un anno in quella terra di missione.
Attualmente è sposato con una ragazza di Lecco e gestisce un rifugio costruito dai tanti volontari dell'O.M.G stessa.

Dal Caña Team un sentitissimo in bocca al lupo !

Etichette:

Spillato dal Caña Team alle 10:55 -

0 boccali pieni:

Riempi un boccale !