<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Evangelizzare con il Karaoke

martedì 27 febbraio 2007

Che ci fosse qualcosa nel mondo che non funzionasse, che ci fosse un rovesciamento di ruoli e di situazioni, ce ne eravamo accorti: il "pulcino" Miky che al lunedì mattina non stressa più l'anima con SMS inutili, Viancio che riesce a dire durante una serata almeno una frase di senso compiuto e l'Inter che si appresta a vincere trionfalmente lo scudetto ( ma ci auguriamo anche la Coppa Italia e soprattutto la Champions League... ) sono stati i primi sintomi.
Poi sabato sera il "Puma" Prelazzi fa il 100% da 3 ( 2 su 2 ), con una bomba allo scadere del 2° quarto, e allora ci iniziamo a preoccupare.
Ma poi ci vengono in soccorso i giapponesi, e capiamo che c'è qualcuno piazzato peggio di noi: i "polipi da karaoke" stanno seriamente minacciando il successo del popolare passatempo da pub, tanto amato dai nipponici.

Partiamo dall'inizio, osservando che il karaoke è una di quelle cose che in Giappone non passano mai di moda, come i tassisti con i guanti bianchi, la puntualità dei treni, la passione per il pesce crudo. Per i lavoratori giapponesi andare in un accogliente bar di Tokyo, grande quanto una stanza da bagno, a cantare una melensa canzone d'amore è un modo per dimenticare una giornata di lavoro esasperante. L'anno scorso 47 milioni di giapponesi hanno frequentato un locale di karaoke. Sono inoltre disponibili programmi di karaoke per il cellulare, club di karaoke su internet, automobili equipaggiate con sistemi per il karaoke.
Questa passione, però, ha cominciato a mietere vittime: sempre più persone si ammalano di noduli alle corde vocali e la causa sembra essere proprio l'amata gara musicale. Per alcuni però potrebbe essere una buona notizia: con 47 milioni di giapponesi in fuorigioco, per il nostro Tombolotto si possono aprire nuove strade di evangelizzazione.
Per i giapponesi sarà invece brutta: va bene non cantare, ma anche sorbirsi il karaoke di Viancio è troppo.

Etichette:

Spillato dal Caña Team alle 09:27 -

0 boccali pieni:

Riempi un boccale !