<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Derby

lunedì 4 dicembre 2006

Ciò che un tifoso di calcio aspetta più di ogni altra cosa durante l’anno è la domenica del derby.
Per i tifosi del Casale e dell’Alessandria il conto alla rovescia sta per finire; l’hanno atteso per anni ( l’ultima sfida in campionato si giocò il 12 aprile '92 ) e quello che sarà giocato tra poco ha tutte le caratteristiche per essere un grande evento ( fischio d'inizio alle 14.30 ).
Passati per entrambe i momenti bui dei fallimenti e delle rifondazioni, le due squadre stanno affrontando un campionato di vertice che ha riportato l’entusiasmo nelle rispettive città.
I nerostellati e i grigi, da sempre acerrimi rivali, torneranno domani a sfidarsi in un incontro che vale; e magari qualcuno in tribuna ricorderà con emozione i confronti passati...
Il Caña Team, in grande esclusiva, ha intervistato chi di derby se ne intende ( e siamo sicuri che a quello del '92 era presente ! ); anche se non può più seguire l'amata squadra come una volta, il nostro Viancio l'anima del boys non l'ha mai lasciata.
«Se penso al derby - ci dice un po' commoso - mi viene in mente la mia prima trasferta e i miei inizi di giovane ultras. Di ricordi ce ne sono tanti: dal primo derby, quello in cui i grigi indossarono la maglia rossa e che finì 0-0, a quello più bello, nel 1989 giocato al Moccagatta ad Alessandria».
Purtroppo non sa ancora se potrà esserci allo stadio e allora proviamo a scoprire come si comporterebbe sugli spalti: «I grigi meritano un'accoglienza degna dei peggior nemici - dice, manifestando il suo passato da Boys - e quindi inizierei subito con un bel coro che, per evitare possibili guai, è meglio non dirvi».
In campo scenderanno due squadre profondamente diverse da quelle che, con un certo orgoglio, declama a memoria: «Campioni come Melchiori e Marescalco non si trovano tutti i giorni e possono davvero essere scelti come testimonial di questa sfida». Quando parla dell’ex-capitano nerostellato esprime tutta la stima e l'affetto non solo per il giocatore ma anche per l’uomo e provocato su un quasi improbabile gioco della torre ci confida: «Chi butto giù tra lui e Platini ? Jamais le Roi ( ndr: Il Re mai ) !».
Conclude con un pronostico: «Vinciamo noi 1-0 - facendo tutti gli scongiuri del caso - e sarebbe bello se segnassimo al '90. Se così fosse, fatemi un fischio, sarò lì a festeggiare con voi».
Domani al Natal Palli è atteso il pubblico delle grandi occasioni; ci auguriamo che tutti, giocatori e spettatori, si dimostrino all’altezza. Ovviamente il Caña Team sarà presente e vi invita a partecipare numerosi; naturalmente per gridare Alè Neri !!


P.S.
Questo post doveva essere pubblicato ieri, ma a causa di una manutenzione di Blogger abbiamo dovuto rimandare ad oggi la pubblicazione. Guardatene però il lato positivo: oggi sappiamo di: aver vinto 3-1; aver avuto in regalo un rigore inesitente realizzato da Panzanaro; aver visto un Viancio scatenato ed osannato dai fedelissimi nerostellati; di aver trascorso una bellissima giornata di sport !!

Etichette: ,

Spillato dal Caña Team alle 09:34 -

6 boccali pieni:

Ho già risposto all'e-mail con videos di Paolo:grazie a tutti voi per il bel pomeriggio di sport,grazie per la vostra amicizia,grazie per avermi fatto tornare alla memoria tanti bei momenti trascorsi con altri amici allo stadio.
E grazie sopratutto ad uno dei Casali più forti che abbia mai visto,anzi più che forti con più culo che io abbia mai visto,e sopratutto l'unico Casale a cui han dato un rigore inesistente.
P.S anche la foto comunque non è di ieri ma di quando ero più grasso,oggi infatti ho un chilo in meno.....ed è meglio non dirvi il motivo

diciamo una bella giornata di tifo.. la cultura sportiva lasciamola agli inglesi...
voglio fare un po' il moralista: non mi è piaciuta la ragazza casalese che vendeva la sciarpa "grigi merda" (xkè non forza neri?), i giocatori del casale che non buttano la palla fuori col giocatore dei grigi a terra in area (magari era una finta, ma non mi sembrava proprio il caso di surriscaldare gli animi..), i miei ex colleghi arbitri che, dimenticando le cappelle che facevano, hanno insultato la terna per tutta la partita; lo striscione del cinghiale osè (avevo portato i ragazzini dell'oratorio..), le maglie senza sponsor del casale (perchè non fare come barcellona e piacenza e sponsorizzare unicef o simili?). se mi viene in mente qualcos'altro...
    detto da Anonymous il ricciolo - lunedì 4 dicembre 2006 21:20:00 CET  

......i cori di vaffa e chi non salta è per esempio.se si stesse a guardare la ragazza che vendeva la sciarpa grigi m....e la stessa che fa parte del gruppo pacifista(definizione data dal turista per la democrazia).
Sul cartello però ti dò ragione:anche gli schifidi dall'altra parte avevano striscioni che secondo il decreto anti-violenza non potevano entrare,domanda:chi fà entare quegli striscioni che surriscaldano un clima già caldo?(vedi poi la cronaca dei danneggiamenti)forse gli stessi agenti di pubblica sicurezza che mi han fatto entrare la seconda volta senza guardarmi in faccia quando potevo aver benissimo preso fuori qualunque cosa ed essermela messa nel borsello?Quanto dici dei ragazzini,non so se hai notato la piccola scimmmia che ad un certo punto felice si arrampicava sulla rete.tra l'altro anni fà ti avrebbero tirato giù a colpi di scure,invece oltre al ragazzino ne l settore boys erano parecchi sulla rete senza che nessuno dicesse nulla e se pensi al fatto che ad ogni gol i boys si riversano sulla rete....
Potrei andare ancora avanti....comunque sia per una strana legge,in una partita di calcio uno può anzi uno fà cose che in tutto il resto della sua vita non farebbe mai ed è questo che forse deve fare più riflettere,compreso il pirla che mostrava la sua faccia migliore ai pulman-bestiame.....

Hai ragione ricciolo...ma tu allo stadio non ti sei mai comportato così? Ci sono criminali, animali, persone maleducate, gente tranquilla che nella massa si trasforma e poche persone che riescono a rimanere obbiettive e serene...
Bisognerebbe fare come in Inghilterra: i criminali fiori dagli stadi, invece qui i capi ultà vanno in giro con i Presidenti delle società... Senza animali sugli spalti, più spazio alle famiglie per godersi una bella giornata di sport, come è stata domenica scorsa...
    detto da Anonymous Pablo - martedì 5 dicembre 2006 18:40:00 CET  

e magari mettere anche qualche termosifone allo stadio...tipo quei lampioncini-caloriferi fuori dai bar più trendy...

E' innegabile che il calcio nostrano sia un pò marcio, a tutti i livelli. Difficile trovare una cosa che funzioni perfettamente.
In Inghilterra va meglio, però hanno dovuto passarne anche loro delle belle, prima di fare tabula rasa e invertire la rotta.

Sicuramente, da imparare: stadi più piccoli; abbonamenti per famiglie a prezzi più popolari; ingressi "intelligenti".
E poi, sarà banale ripeterlo, ma è una questione di cultura sportiva.
Quando nel 1997 ero in vacanza a Londra, io e il buon Auda siamo andati a vedere Chelsea-Aston Villa (tra l'altro, senza farlo apposta, debutto in campionato di uno dei miei fantacalciatori preferiti: Ambrosetti!).
Allo Stamford Bridge si può arrivare praticamente solo in metropolitana. In Italia una roba del genere sarebbe delirante. Là nessuno si scompone.
L'altra sera invece per salire una scaletta del Forum di Assago urla, spintoni, e una ragazza svenuta.
Scusate lo sfogo!

per venire incontro a Spino col suo ragionamento sul calcio inglese,immaginate lo stadio senza recinzioni,secondo me il muratore che era in porta per l'alessandria domenica col cavolo portava via il pallone da metà campo,ci sarebbero stati minimo sei o sette mandari ad inseguirlo fino al casello.
purtroppo fa comodo alle società che ci siano questo tipo di tifosi più esagitati che scaldano il clima in campo e gli permettono che si parli,bene o male,della propria squadra.Se poi i giornalisti,che più volte si sono ripromessi di non sottolineare più i fatti di cronaca nera per evitare di dare risalto a questi,ma poi continuano lo stesso,come ha fatto il Monferrato di ieri col titolo a tutta pagina "devastati i servizi"(vado a memoria).O succede come in Inghilterra che a forza di morti han preso decisioni storiche arrestando con operazioni scientifiche tutti i più pericolosi(o quasi) oppure non vedo soluzione per questo mondo del calcio e del tifo violento,che coinvolge sia chi vuol fare tifo in modo sano,sia gli spettatori inermi che non hanno più voglia di rischiare allo stadio.E comunque non vedo ancora,parlo almeno di Casale,poliziotti che scientificamente indaghino sui tifosi,visto che alcunio dovrebbero auto indagarsi.....

Riempi un boccale !