<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Lo sport non fa differenze

lunedì 20 marzo 2006

Ne hanno dato prova gli atleti paralimpici impegnati negli scorsi giorni nelle Paralimpiadi di Torino 2006: lo sport rende tutti uguali.
I risultati migliori arrivano dallo sci alpino ( quelli che ci sono mancati alle Olimpiadi ), ma chi ha entusiasmato davvero sono stati i ragazzi dello sledge hockey, capaci di fare il pieno di spettatori nonostante le continue sconfitte che hanno significato l'ultimo posto in classifica.
Almeno in questi giorni, le gare hanno preso temporaneamente il posto di storie dato prova gli atleti paralimpici impegnati nelle scorse a volte drammatiche, di vite difficili e faticose in un mondo che ha smarrito sensibilità e attenzione.
Di questo mondo fanno sicuramente parte televisioni e carta stampata nostrani; dire che l'impegno dimostrato in quest'occasione è stato semplicemente vergognoso, è fare ancora un complimento.

Trasmissioni mandate in onda ad ore in cui pochi hanno il tempo per guardare la tv e mezze pagine dedicate al racconto di intere giornate ( spesso vittoriose per gli azzurri ! ) gridano vendetta.

Oggi che le gare sono finite, continua la sfida degli atleti paralimpici: vincere l'indifferenza diffusa e riappropriarsi di qualche spazio... iniziando dai mass-media.

Etichette: ,

Spillato dal Caña Team alle 00:37 -

1 boccali pieni:

Great site, very impressive.

clomid

Riempi un boccale !