<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Onorevole, ma non troppo

mercoledì 25 gennaio 2006

Ad Aprile ci saranno le elezioni. E nelle ore successive ci sarà gran fermento nelle segreterie di partito in attesa dei risultati.

C'è chi, però, aspetta ancora quelli delle elezioni del 2001. Succede che dopo cinque anni di batta­glie legali per vedere riconosciuti quegli 89 voti di vantaggio nel collegio pugliese n°33, la magistra­tura prima e la giunta per le elezioni della Camera adesso si so­no accorti che effettivamente, il diessino pugliese Faggiano aveva ra­gione, c'è stato davvero un errore. Alle ultime politiche il candi­dato ulivista di voti ne aveva raggranel­lati 34.974 mentre il polista Sardelli 34.934. Il verbale definitivo in­vece aveva assegnato 35.023 preferenze a Sardelli e 34.885 a Faggiano.
Cos'era successo ? Sem­plice, un errore di trascrizio­ne.
Risul­tato: Sardelli onorevole a Roma e Fag­giano, per altro parlamentare uscente, rispedito alla società far­maceutica della quale è dipendente.
C'è voluta un'inchiesta, aperta d'ufficio dalla Procura di Brindi­si e conclusa il 22 dicembre scor­so, per costringere la Camera a ri­fare i conti. Il GIP ha rinviato a giudizio tutti i componenti della distratta sezione 7 di Latiano. E a Montecitorio la svolta è arrivata la settimana scorsa: l'ufficio di presidenza della giunta ha deciso di riaprire il fa­scicolo, proprio alla luce delle conclusioni dell'inchiesta giudi­ziaria. L'esito, dato che quei conti li ha già fatti la magistratura, è piuttosto scontato.
Un incidente ? Una casualià ? Non proprio, a sentire il presidente della giunta Soro: «Il 7 febbraio, ci pronunceremo su un caso quasi identico, verifica­tosi nel collegio di Vibo Valentia, dove l'ulivista Domenico Carra­pelli sembra aver avuto 5 voti in più del deputato UDC insediato nel 2001, Michele Aneli». Pure per Carpelli si potrebbero dunque apri­re le porte di Montecitorio.
Sarebbe una storia a lieto fine; peccato però che, la prossima settimana, nell'ultima seduta della Camera il presidente Casini scampanellerà la chiu­sura della legislatura.

Etichette:

Spillato dal Caña Team alle 09:26 -

3 boccali pieni:

E intanto il refolo delle elezioni comincia a farsi sentire

verrebbe da dire: solo in italia capita!! dobbiamo comunque essere fieri di esserlo!!

Piotor zitto che ci è andata bene,i due deputati potevano anche bocciare alcune leggi,come del resto è capitato molte volte che con la maggioranza dei parlamentari il centro destra sia andato sotto....e comunque non è così grave come i voti della Florida con Sush

Riempi un boccale !