<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Censura: indietro di 10 anni !

mercoledì 18 gennaio 2006

Sessantatre giornalisti uccisi, Iraq il paese più pericoloso e Cina quello con più reclusi. Questi sono i dati del rapporto annuale dell'organizzazione Reporters sans frontiéres ( RSF ) che indica il 2005 come un anno nero per la libertà di stampa nel mondo. Si può anche dire che in questo campo si è tornati indietro di 10 anni: quello appena terminato è stato il più sanguinoso dal 1995.

Per il terzo anno consecutivo il paese più pericoloso è l'Iraq con 24 vittime, davanti alle Filippine con sette. Mentre in Africa sono stati uccisi 5 reporter e i crimini sono rimasti impuniti.

I giornalisti attualmente detenuti nelle carceri sono 123, distribuiti in 23 paesi. Di questi 32 sono reclusi in Cina ( insieme a 62 cyberdissidenti ) e 24 a Cuba.
Più di 800 giornalisti sono stati arrestati nel corso dell'anno e 1308 hanno subito minacce. Sono stati documentati 1006 casi di censura. Infine almeno 15 paesi, tra cui spiccano Iran e Tunisia, continuano a sottoporre Internet ad uno stretto controllo.

Nonostante tutto questo, i giornalisti freelance casalesi continuano imperterriti a scrivere e a fare tendenza.

Etichette:

Spillato dal Caña Team alle 18:37 -

1 boccali pieni:

Anche i direttori dei giornali diocesani casalesi e i commentatori freelance del Casale sul Monferrato ahimè...a quando Luca Giurato?

Riempi un boccale !