<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d18776345\x26blogName\x3dCa%C3%B1a+Team+-+Il+Blog+Ufficiale\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://canateam.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://canateam.blogspot.com/\x26vt\x3d2497752311118286381', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Elogio del regalo

venerdì 23 dicembre 2005

Nessuna luminaria, nessun albero di Natale, nessun pranzo in famiglia.
Nessun film di "Boldi & De Sica", nessun bicchierino delle macchinette del caffè con scritto "Buon Natale".
Niente negozi sempre aperti, niente neve, niente CD con le canzoni di Natale cantate da Pupo. Niente panettone o pandoro, niente uvetta o canditi, niente zucchero a velo o cioccolata calda.
Insomma l'obbiettivo era fare un "pezzo" che guardasse il Natale da un nuovo punto di vista.
Niente buonismo. Niente consumismo.

Ora, il pezzo alle 22.30 di lunedì sera si sarebbe fermato qui. Non è che non sapevamo più cosa scrivere. Avremmo potuto raccontare della "Capretta di Natale", una forma di aiuto concreto che può fare la differenza, ed ha già conquistato gli inglesi, che consiste nel donare un animale da mandare ad una famiglia povera in Africa.
Sicuramente, qualsiasi cosa avremmo scritto sarebbe stata meno importante di questa.

Capita di essere spiazzati, di aver le gambe tagliate, di sentirsi piccoli piccoli... di avere "tra le mani" qualcosa che non potrà mai essere ripagato. Capita di ricevere un regalo da un gruppo di amici ( ed in questo periodo il Caña Team ha capito di avere molti amici, quelli che ti sorprendono, che ti stanno vicino, che ti fanno sentire importante per loro ) e di capire che in questi mesi è nata una vera amicizia. Certo non è il regalo che ci fa dire queste cose... ma quel regalo è un segno e per noi vale molto ( questo non è buonismo ). Cosa ci hanno fatto capire ? Che non bisogna stupire la gente con il regalo costoso e bello, bisogna stupire la gente con l'amicizia. Pensateci, e regalatela a Natale...

Strano fare un elogio del regalo in un pezzo che non voleva parlare di consumismo...

Il Caña a Team festeggierà il Natale, come ogni anno, al consueto Pranzo Sociale... sapendo di avere tanti amici in più...

Etichette: ,

Spillato dal Caña Team alle 13:44 -

5 boccali pieni:

Non è poi così strano l'elogio del regalo, tutto sta in cosa consiste il regalo.
Un sorriso a chiunque incontri può essere un regalo (e di sicuro non è consumistico), una parola buona per chi ti sta vicino (idem come sopra), un semplice pensiero per chi non conosci.
Questo non è buonismo, è semplicemente sapersi godere la vita appieno e senza false ipocrisie.

Buon Natale, Caña Team!

Auguri anche a te !!

PS: Anche se non conosci Minessi, ci sei simpatico !

sì, però essere di Lumezzane e non conoscere Minessi è come essere di Parigi e non sapere chi è Napoleone! :-)

Sono commesso grazie amici e Buon Natale e forza Lumez come si dice LumeZane o Lumi su Zane?(Questa la capiscono i casalesi forse)

Minessi pian piano vi sta conquistando, ma voi i nostri cuori state sempre più "occupando"!

Riempi un boccale !